RICETTE CATEGORIA SOVRANI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
Insalata di Caterina de’ Medici

Insalata di Caterina de’ Medici

Mettere in una zuppiera una misticanza pulita e lavata, quindi unire il pecorino tagliato a piccoli cubetti regolari, qualche pezzetto di filetti d’acciuga, un po’ di capperi interi e altri tritati, le olive, l’uvetta precedentemente ammollata ed infine i gherigli di noce. Salare e pepare leggermente poi condire con...
Leggi tutta la news...

Polpettine per Isabella d'Este Gonzaga

Polpettine per Isabella d'Este Gonzaga

Lessare dei petti di pollo e tritarli amalgamandoli a uova, cannella, noce moscata, pane rustico bagnato nel brodo e poi strizzato. Ottenuto un impasto morbido, formare tante polpettine, passarle nell’uovo sbattuto, poi nella farina, e friggerle nel burro bollente.
Leggi tutta la news...

Zuppa pavese alla moda di Francesco I

Zuppa pavese alla moda di Francesco I

In un tegame sciogliere il burro e dorare il pane da ambo le parti. Nel frattempo far bollire il brodo e schiumarlo. Adagiare due fette di pane abbrustolito su ogni piatto fondo, e due uova sgusciate facendo attenzione che il tuorlo rimanga integro. Ricoprire il tutto con il brodo bollente e spolverare di parmigiano grattugiato...
Leggi tutta la news...

Tagliatelle alla moda di Lucrezia Borgia

Tagliatelle alla moda di Lucrezia Borgia

Preparare delle tagliatelle con uova e farina. Fare un trito di cipolla, sedano, carota e rosolare bene Aggiungervi pancetta e manzo macinati, da sfumare con vino bianco. Una volta evaporato, sfumare ancora con vino rosso. Infine, aggiungere del brodo, sale pepe...
Leggi tutta la news...

Torta di pecorino e noci alla moda di Pio II

Torta di pecorino e noci alla moda di Pio II

Amalgamare rossi d’uovo, zucchero e miele. Aggiungere poco per volta pecorino setacciato, ricotta, farina, noci pestate, ed infine le chiare montate a neve ben ferma. Rovesciare il composto ottenuto in uno stampo precedentemente imburrato e foderato con pasta brisé, pareggiare ed infornare...
Leggi tutta la news...

Berlingozzo di carnevale alla moda di Cosimo I

Berlingozzo di carnevale alla moda di Cosimo I

Il suo nome sembra derivare dal berlingaccio, termine che indicava il giovedì grasso e una maschera in uso e costume quattrocenteschi. A sua volta "berlingaccio" deriva dal tedesco bretling (tavola). Il verbo berlingare voleva dire divertirsi e spassarsela a tavola: citato da poeti cinquecenteschi, sembra fosse in uso anche alla corte di Cosimo I a Firenze.
Leggi tutta la news...

Cinghiale in agrodolce per Papa Sisto IV

Cinghiale in agrodolce per Papa Sisto IV

Preparare una marinata con odori, aceto, vino bianco, e sommergervi per almeno un giorno un pezzo di polpa di cinghiale. In una casseruola, dove è stato fatto sfrigolare dello strutto, mettere pezzetti di prosciutto magro, il cinghiale marinato, e far rosolare bene...
Leggi tutta la news...

Tortini di riso pel Moro

Tortini di riso pel Moro

Portare ad ebollizione del latte con una stecca di vaniglia e una scorza di limone. Versarvi del riso e cuocerlo per venti minuti, aggiungendo a metà cottura, zucchero e burro. Eliminare quindi la scorza di limone, la stecca di vaniglia, e lasciare raffreddare mescolando spesso.
Leggi tutta la news...

Cappelletti alla cortigiana de’ Malatesta

Cappelletti alla cortigiana de’ Malatesta

Ingredienti: Formaggio tenero - formaggio stagionato - ventresca di maiale - petto di cappone – uova – spezie – zenzero – pepe - sale - pasta tirata ben sottile. Preparazione: Lessare le carni e tritarla finemente; aggiungere i formaggi, le uova, le spezie, poco zenzero, pepe, sale...
Leggi tutta la news...

Potages di patate alla francese Luigi XVI

Potages di patate alla francese Luigi XVI

In una casseruola portare ad ebollizione il brodo, unire le patate tagliate a tocchetti e, quando saranno cotte, passarle allo schiacciapatate. Versare la purea nella pentola, incorporaci i tuorli d'uovo, salare, spolverare con un pizzico di pepe bianco, unire una noce di burro e una manciata di formaggio. La crema va servita su fette di pane o crostini precedentemente fritti nel burro.
Leggi tutta la news...

Cornetti per Maria Antonietta

Cornetti per Maria Antonietta

Ingredienti: Pasta sfoglia – tuorlo d’uovo. Preparazione: Stendete della pasta sfoglia in uno strato sottile. Ritagliatela in triangoli con la base della larghezza di sei dita e arrotolatela piano a partire dalla base. Piegate ora le estremità in modo che acquistino la forma del cornetto...
Leggi tutta la news...

Tortellini di Paolo III

Tortellini di Paolo III

Preparare un impasto con farina, uova e un pizzico di sale, affinché risulti morbido, e lasciarlo riposare coperto da un canovaccio. Tagliare a pezzetti dei fegatini di pollo cotti brevemente nel burro, e farne un ripieno aggiungendo funghi con polpa di pollo lessata nel brodo e spezzettata.
Leggi tutta la news...

Selvaggina al pepe di Carlo V

Selvaggina al pepe di Carlo V

Per preparare una squisita selvaggina al pepe come piaceva all'Imperatore, si dovrà tagliare le carni scelte a pezzi, lasciandole marinare nel vino rosso per un paio di giorni. Poi filtrare la marinata, portarla a bollore e cuocervi le carni precedentemente salate. Indorare nello strutto del...
Leggi tutta la news...

Toast Anna Bolena alla cannella e aringa

Toast Anna Bolena alla cannella e aringa

Questo tradizionale spuntino inglese da servire con il tè (sapore dolce ma forte personalità assimilabile alla Bolena), era tenuto in caldo in appositi piatti coperti anche nei college di Oxford e Cambridge. Preparazione: Pulire delle aringhe, eliminando la lisca e le spine; tagliare a metà...
Leggi tutta la news...

Granchio arrosto alla moda d'Este

Granchio arrosto alla moda d'Este

Ercole I d'Este e Eleonora d'Aragona furono promotori della presenza presso la propria corte di letterati e umanisti. Quella che vi proponiamo è una delle ricette degustate durante i banchetti rinascimentali. Polpa di granchio – foglie d’alloro – salvia – olio d’oliva – sale – pepe...
Leggi tutta la news...

Gallina in pentola Enrico IV - Storia della gastronomia

Gallina in pentola Enrico IV - Storia della gastronomia

Prendere una gallina, privarla delle interiora e lavarla. Preparare una farcia con mollica di pane ammollata nel latte caldo, uovo sbattuto, lardo, dragoncello, prezzemolo, scalogno, sale e pepe. Riempire la gallina con il composto e legarla ben stretta. In una pentola portare a bollore acqua...
Leggi tutta la news...

Zuppa di riso alla moda di Paolo II

Zuppa di riso alla moda di Paolo II

È un piatto antico servito a Venezia nelle case nobili, e legato alla mensa di Paolo II che mantenne a Roma gli usi culinari della sua città. Mettere un cappone in una casseruola, aggiungere acqua, burro, cipolla, carota, sedano, chiodi di garofano, e cuocere a fuoco dolce affinché il cappone...
Leggi tutta la news...

Capriolo arrosto alla moda di Leone X

Capriolo arrosto alla moda di Leone X

Arrostire un coscio di capriolo da ogni lato per qualche minuto. Mentre la carne si raffredda, tagliare a striscioline del lardo, passarlo in una miscela di pepe macinato, cannella in polvere, noce moscata, sale, e lardellarci il coscio. Infilzare la pietanza su uno spiedo e arrostirla per mezzora, avendo cura di raccogliere i sughi rilasciati durante la cottura...
Leggi tutta la news...

Brodo Apostolorun per Pio V

Brodo Apostolorun per Pio V

Tratta dal libro “Opera” di Scappi. "Per far minestra di petrosemolo et altre herbette dimandata nelle corti di Roma. Habbisi brodo di carne, dove siano bollite cervellate (salsicce) gialle et barbaglie (gole) di porco e schiena di castrato, et esso sia tinto di zafferano mescolato con pepe e cannella e nel tempo dell’estate pongasi con esse uva spina o agresto intero...
Leggi tutta la news...

Virtù dei cardi per Caterina Sforza Riario

Virtù dei cardi per Caterina Sforza Riario

Eccovi alcuni consigli dal Liber de experimentiis Catherinae Sfortiae: “Virtù divine della aqua et luciva del cardo benedetto”. Chi mangia il cardo, dice la ricetta, guarisce i mali di testa, cura l’udito, aguzza la memoria, guarisce dalle vertigini, cura il cervello e la vista, libera...
Leggi tutta la news...

Plum-cake di Elisabetta I

Plum-cake di Elisabetta I

Ponete a rinvenire dell’uvetta sultanina nel rhum. Con un cucchiaio di legno lavorate in una terrina, del burro con dello zucchero, fino ad ottenere una crema soffice. Unite quindi, sempre lavorando col cucchiaio, prima due tuorli, e poi due uova intere...
Leggi tutta la news...

Agnolini della corte di Ludovico II Gonzaga

Agnolini della corte di Ludovico II Gonzaga

In un tegame sciogliere del burro e cuocervi polpa di manzo macinata, assieme a cipolla e vino bianco. In un’altra padella sempre con del burro, rosolare cubetti di pancetta e salamella di suino. Unire le due preparazioni, legandole con uova, parmigiano, noce moscata e pepe.
Leggi tutta la news...

Zuppa Regina di La Varenne

Zuppa Regina di La Varenne

Questa la versione della zuppa regina di La Varenne. Prepara mezzo pollo arrosto e separa la carne dalle ossa. Poi piglia delle mandorle, pestale e cuocile in un brodo buono con un rametto di rosmarino, un ciuffo di prezzemolo, un poco di limone, briciole di pane e un poco di sale...
Leggi tutta la news...

Lorenzo il Magnifico: li cialdoni - storia della gastronomia

Lorenzo il Magnifico: li cialdoni - storia della gastronomia

Pare che Lorenzo dé Medici fosse anche un buon gastronomo, tanto che nel suo Canto de' Cialdonai insegna a fare i cialdoni. «Metti nel vaso acqua e farina, quando hai menato, poi vi si getta quel ch'è dolce e bianco zucchero: fatto l'intriso, poi col dito assaggia...
Leggi tutta la news...

Agnello alla Re Sole

Agnello alla Re Sole

Ingredienti: Coscia d’agnello – pancetta – cipolla – aglio – salvia – rosmarino – peperoncino – vino bianco – olio d’oliva – uvetta ammollata – pinoli – sale – pepe. Preparazione: Ridurre a tocchetti la polpa d'agnello e sistemarla in una teglia. Coprire la carne con fette di pancetta...
Leggi tutta la news...

Baron di bue alla moda di Enrico VIII

Baron di bue alla moda di Enrico VIII

Preparare un trito di cotenne di maiale, cipolle, timo, rosmarino e alloro; metterlo in una teglia ed adagiarvi un pezzo di sella di vitello; salare e pepare. Infornare per un quarto d’ora a temperatura elevata, avendo cura di dorare tutte le parti della carne. Sgocciolare il grasso che...
Leggi tutta la news...

26 articoli (1 pagina, 50 per pagina)


Pagine: