RICETTE dessert


Categoria: dessert

Sfoglio di Polizzi Generosa


Testo a cura di Anna Martano QUESTORE AIGS Siracusa. Quadro direttivo presso un’ importante banca. Ama la scrittura, la cucina e la pasticceria. Pubblicista, cura sul settimanale siracusano “Cammino” la rubrica “Saperi e sapori di Sicilia”. Con le ricette tradizionali racconta il territorio, la storia, le usanze, il sentimento religioso e la letteratura della sua amatissima terra.

 

Il suo nome significa “città di Iside” (Polis Isidis) e l’attributo di “generosa” le venne conferito da Federico II. Parliamo di Polizzi Generosa, comune arroccato sulle Madonie in una posizione regale a 920 metri d’altitudine. Fu la Regina Elisabetta d’Aragona a fondare il convento per donne Santa Margherita, originariamente in contrada San Peri. Le 1444 le monache benedettine, provenienti da nobili famiglie, trasferirono il convento in paese. Nel 1600, dalle loro abili ed operose mani, prese vita , in onore di San Benedetto, questo dolce dal sapore deciso e pieno: un involucro di morbida pasta frolla che racchiude un ripieno “generoso”  a base di tuma di pecora fresca. L’uso del formaggio in un dolce potrà apparire insolito  per la nostra cultura gastronomica attuale; nella cucina tardo-medievale e rinascimentale era invece assai frequente. Ogni anno, alla fine di Luglio, Polizzi celebra questa sua specialità con una sagra accompagnata da visite guidate di interesse architettonico e naturalistico e da esibizioni di falconeria in abiti d’epoca. I pasticceri polizzani hanno istituito, a difesa della tipicità e dell’autenticità del prodotto, il Consorzio per la tutela e la valorizzazione” dello sfoglio.

RICETTA

Ingredienti

Per 8 persone, impastate velocemente 500 gr di farina 00 con 125 gr di strutto e altrettanto zucchero, 2 tuorli, un cucchiaio di miele, ½ bicchiere di latte e un pizzico di sale.

Preparazione

ricavate una palla che lascerete riposare al fresco. Grattugiate 500 gr di tuma fresca e fatela colare bene affinché perda l’acqua. Tagliate a scagliette 100 gr di cioccolato fondente e riducete in cubetti 100 gr di zuccata candita. Montate a neve 2 albumi; impastate la tuma con 200 gr di zucchero, unitevi gli albumi, il cioccolato, la zuccata e un cucchiaino di cannella in polvere. Dividete la pasta in due parti, una delle quali un po’ più grande; stendetela in sfogli e usate quello più largo per rivestire fondo e bordi di una tortiera, precedentemente unta d’olio, di circa 26/28 cm di diametro. Versatevi il ripieno, ricoprite con l’altro foglio di pasta ed infornate a 180° per circa mezz’ora. Fate raffreddare bene, poi sformate e spolverate di zucchero a velo con un’ombra di cannella.

Accompagnate con un Pantelleria  Moscato  spumante, dal profumo gradevole ed aromatico molto fruttato con note agrumate, e dal sapore piacevolmente dolce.

Leggi news dolci Sicilia





Stampa Stampa | Categoria Altre ricette di questa categoria |



blog comments powered by Disqus