NOTIZIE personaggi


Categoria: personaggi

Storia dei banchetti di Papa Alessandro VI Borgia


Alessandro VI (1431-1503)
Alessandro VI (1431-1503)

Si racconta che nei primi del ‘500, la Locanda del Leone, situata a Tor di Nona a due passi da San Pietro, fosse una delle più accreditate di Roma, poiché aveva un’ottima cucina ed il miglior bianco di vigna. L’osteria era gestita da certa Madonna Vannozza, bruna dai bellissimi occhi scuri regolarmente maritata, conosciuta anche per aver dato quattro figli al dotto cardinal Rodrigo Borgia, già nipote di Callisto III.
Alessandro VI Papa dal 1492, anche se ebbe dalle diverse amanti numerosi figli, fra i quali Cesare e Lucrezia , nutrì per loro un incondizionato amore considerandoli strumento di conquista politica.
Il Borgia fu una delle più discusse personalità della sua epoca, e Girolamo Savonarola che l'accusò di simonia e ne criticò aspramente la vita dissoluta, venne da lui scomunicato e impiccato sul rogo a Firenze. Il Papa spagnolo, odiato dai romani per prepotenza e ferocia, diede alle cerimonie religiose un fasto particolare, inventando parate favolose e riti suggestivi.
Per il Giubileo del 1500, che però non ebbe un grande successo a causa della terribile pestilenza che colpì Roma, fece aprire la Porta Santa a simbolo dell’ecumenismo della Chiesa di Roma.
A questo Papa, tanto vituperato, è attribuita anche l’istituzione della veglia di Natale, che celebrava cenando nell’intimità della famiglia con piatti a base di magro e dolci a soggetto sacro.
I pranzi ufficiali di Alessandro VI erano rinomati sia per l’eleganza delle tovaglie di fiandra e il vasellame di metalli preziosi, che per la perfezione di piatti elaborati, come la torta di capponi, la torta d’anguille e i numerosi dolci.
Si narra che questo Papa se voleva impressionare qualcuno, per ricordargli l’umana condizione, gli faceva servire fagiani arrosto in teschi umani.
Leggi ricetta
Leggi news vari Papi





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria