NOTIZIE pane


Categoria: pane

Storia grissino


Sull'origine dei grissini, uno dei prodotti gastronomici torinesi più famosi del mondo, circolano due versione.
La prima, più storica, li farebbe nascere intorno alla seconda metà del '300, quando il pane non si vendeva a peso ma ad ogni unità corrispondeva un soldo; a causa dell'inflazione che colpì il Piemonte, la "grissia" (forma di pane) divenne man mano sempre più leggera e sottile, fino a trasformarsi nel "gherssin" (piccola grissia).
La seconda versione, più leggendaria, sarebbe legata a Vittorio Amedeo II; a soli nove anni, morto il padre, Vittorio Amedeo divenne duca di Savoia sotto la reggenza della madre. La sua salute debole non dava segni di miglioramento, perciò la duchessa si rivolse al medico di Corte, che a sua volta parlò delle nobili ansietà al panettiere. Dopo attente valutazioni, la medicina studiata per il giovane duca fu identificata in una dieta, da realizzarsi con pane friabile e ben digeribile. Il panettiere ducale, il cui nome, tramandato ai posteri era Antonio Brunero, inventò così la ricetta originale del grissino (forse già noto in altre zone del Piemonte).
Indipendentemente dalla sua origine, il grissino ha sempre goduto di molto successo anche presso i nobili. Ne era ghiotto re Carlo Felice che lo mangiava nel suo palco a teatro; presso le Corti europee il "les petits baton de Turin" veniva degustato con curiosità; nella Francia di Luigi XIV si tentò di imitarlo, facendo arrivare a Parigi due artigiani torinesi, ma l'acqua e l’aria della Senna non erano buone come quelle del Po e i risultati furono modesti; Napoleone inviava regolarmente dei corrieri imperiali a Torino per rifornirsi del “gherssin”, perché sembra fosse di sollievo alla sua ulcera.
Leggi ricetta
Leggi news savoiardi
Leggi news Castelmagno
Leggi news pani Piemonte





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria