NOTIZIE CATEGORIA USI-COSTUMI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
Storia uovo di Pasqua

Storia uovo di Pasqua

Più o meno da quando è arrivato sulla terra, l’uomo si è interessato alle uova per funzioni diverse dalla semplice nutrizione. I primi ritrovamenti di uova decorate con motivi astratti risalgono a un sito archeologico in Sudafrica. In questo sito gli archeologi ritrovarono alcuni frammenti di uova di struzzo vecchie di 60 mila anni e decorate con motivi astratti...
Leggi tutta la news...

Storia golosità del Carnevale di Venezia

Storia golosità del Carnevale di Venezia

Il Carnevale è una delle feste più antiche e conosciute della tradizione veneziana. Si scrive di questa festività già in un documento del 1094, al tempo del doge Vitale Falier, che parla dei divertimenti pubblici nei giorni che precedevano la Quaresima, in seguito al ritrovamento del corpo di San Marco andato perso durante l’incendio del 1050...
Leggi tutta la news...

Storia fritto e frittura

Storia fritto e frittura

«Tutto ciò che si frigge è buono da mangiare», assicura un proverbio diffuso in varie regioni italiane. Sarà forse per questo che in genere qualunque alimento fritto non prende nome dagli ingredienti che lo compongono, ma dal fatto di essere fritto. I primi libri italiani di cucina, che risalgono al Medioevo...
Leggi tutta la news...

Storia origine delle torte salate

Storia origine delle torte salate

Fu soprattutto a partire dal XIII secolo che il pane cominciò a riempirsi di ogni sorta d'ingredienti, carne, pesce, ortaggi erbe, uova, formaggi, secondo la stagione e l'offerta del mercato, le possibilità e i gusti di ciascuno, le tradizioni e gli usi locali. Nascevano così le cosiddette «torte rustiche» o «salate » dette anche pastelli, pasticci, coppi.
Leggi tutta la news...

Storia del focolare e dei suoi simboli

Storia del focolare e dei suoi simboli

Il focolare specialmente quello popolare è stato per secoli un centro d’elaborazione culturale, luogo intorno al quale la sera si riunivano le famiglie per commentare i fatti del giorno, scambiare pettegolezzi e raccontare storie o favole. Tipica, per esempio, era la tradizione carnica del “filò” (chiacchiere intorno al focolare)...
Leggi tutta la news...

Capodanno cibi e riti propiziatori

Capodanno cibi e riti propiziatori

In Italia esistono molti rituali propiziatori da fare nella notte di San Silvestro. In Sicilia, la sera di capodanno nessun lavoro manuale va iniziato o deve rimanere in sospeso perché si rischia di non terminarlo o di concluderlo...
Leggi tutta la news...

Tradizionali giochi gastronomici di Natale

Tradizionali giochi gastronomici di Natale

Nei tempi antichi molti erano anche i giochi gastronomici collegati al natale. Dopo la cena della vigilia, i presenti in casa facevano il gioco della ventura, (tombola primitiva di usanza secolare). Entro un recipiente chiuso, venivano messi tanti marroni cotti, quanti erano i membri della famiglia, più uno. In una delle castagne veniva...
Leggi tutta la news...

Storia bolliti e brodi

Storia bolliti e brodi

Nella tradizione contadina la prima cosa che una massaia faceva era quella di mettere una pentola d’acqua sul fuoco per il brodo, uno dei prodotti essenziali della cucina casalinga. Questo rappresentava sia la base per le diverse zuppe (prima portata di ogni pasto), sia l’elemento indispensabile per cucinare i brasati, gli stracotti...
Leggi tutta la news...

Storia legumi cibo dei santi e degli umili

Storia legumi cibo dei santi e degli umili

I legumi erano considerati in epoca medievale un piatto povero ed erano consumati soprattutto dalle classi subalterne. Proprio per queste caratteristiche divennero uno dei simboli dell’alimentazione monastica che, in contrapposizione alla mentalità dei potenti basata nell’abbondante consumo di carne quale espressione di superiorità, diffondeva un modello di comportamento alimentare molto sobrio.
Leggi tutta la news...

Uso del curry ieri e oggi

Uso del curry ieri e oggi

Milioni di persone ogni giorno consumano piatti a base di curry, una profumatissima miscela di spezie di origine indiana che può contare nelle sue differenti formule decine d’ingredienti , tra i quali solitamente non mancano curcuma, cumino, zenzero, chiodi garofano, coriandolo e pepe nero...
Leggi tutta la news...

Storia alberghi e locande medievali

Storia alberghi e locande medievali

Nel Medioevo non esistevano locali, come i moderni “ristoranti”, in cui ci si recava esclusivamente per consumare cibi cucinati. Non che mancasse l’offerta di pietanze, ma essa era prerogativa di strutture ricettive polifunzionali quali erano gli alberghi e le locande. Era in questi luoghi, preposti essenzialmente a fornire alloggio a chi era di passaggio, infatti, che si poteva anche consumare un pasto caldo.
Leggi tutta la news...

Storia delle cucina conventuale

Storia delle cucina conventuale

Ci sono parecchi motivi per cui oggi si può affermare che l’arte culinaria europea e la relativa educazione alla tavola, abbiano avuto origine tra le mura dei monasteri e delle abbazie medioevali. Queste furono le prime comunità ad accuparsi del senso e dello scopo dei cibi.
Leggi tutta la news...

Storia di timballi e pasticci

Storia di timballi e pasticci

Il timballo prende il nome dallo stampo che in origine era semplicemente un contenitore cilindrico con il diametro uguale all'altezza. Questo, a sua volta, ha tratto ispirazione dalla cassa armonica, semisferica, di uno strumento musicale a corde. Il timballo (o pasticcio) è figlio della cucina tardo medievale, infatti nasce nel XIV secolo ca...
Leggi tutta la news...

Il cibo dei pellegrini medievali

Il cibo dei pellegrini medievali

L’idea dell’Italia come di uno spazio di continuo movimento, luogo di transito e contemporaneamente punto d’arrivo, ha una storia dalle radici profondissime. Attraverso la nostra penisola passavano le maggiori vie di comunicazione del Mediterraneo, e nel suo territorio...
Leggi tutta la news...

Tavola medievale e sua preparazione

Tavola medievale e sua preparazione

Nell’alto medioevo la sala da pranzo, chiamata refettorio, esisteva solo nei monasteri. Nei ceti umili si mangiava vicino al focolare, nelle cui prossimità stazionavano gli animali domestici e da lavoro. L’apparecchiatura, frequentemente...
Leggi tutta la news...

Dolce degli spiriti

Dolce degli spiriti

Il “grano dei morti” è uno dei dolci più significativi ed emblematici che si consuma, ancora oggi, nella nostra “Magna Grecia” in occasione del 2 novembre. Nell’area salentina questo dolce è detto “colva” o “coliba”, termine mutuato dal bizantino “kolba” che, a sua volta, deriva dal greco “koliva”...
Leggi tutta la news...

Cibi per gli spiriti

Cibi per gli spiriti

‘Giorno delle anime’ viene chiamato in molti paesi dell'europa cattolica. Giorno dedicato ai defunti fin dal lontano 998, da quando Sant’Oddone, abate di Cluny, instaurò la ricorrenza nell’ambito dell’ordine benedettino. Una festività cristiana che, in realtà, affonda le radici nel mondo pagano. La data del 2 novembre viene a coincidere con uno dei più importanti appuntamenti del calendario contadino...
Leggi tutta la news...

Mercato medievale e norme alimentari

Mercato medievale e norme alimentari

Per parlare di cucina medievale, bisogna cercare di conoscere l’uomo del periodo che ci interessa. Quest’uomo è un fervente credente, rispettoso del potere religioso, angosciato dalla paura dell’Inferno. Infatti al fine di acquisire meriti spirituali, egli abbandona casa e campi per fare lunghi e pe
Leggi tutta la news...

Vino e acqua medievale

Vino e acqua medievale

Nel Medioevo l'Italia fu meta delle invasioni barbare che causarono devastanti danni all'agricoltura. La viticoltura, le cui origini si rifacevo alla epoca Etrusca , sopravvisse solo grazie ai monasteri dove la preparazione del vino, simbolo del sangue di Cristo, era indispensabile allo svolgimento dei riti liturgici.
Leggi tutta la news...

Mortaio il mixer medievale

Mortaio il mixer medievale

Il mortaio è il mixer delle cucine premoderne. Solo che, mentre del mixer oggi tendiamo a fare un uso discreto, il mortaio era per un cuoco del Medioevo o del Rinascimento lo strumento principe, assolutamente indispensabile nel lavoro quotidiano...
Leggi tutta la news...

Il mangiare dei viaggiatori medievali

Il mangiare dei viaggiatori medievali

Comincio con una storia. Un testo agiografico del X secolo racconta di Oddone, abate di Cluny, in viaggio per un pellegrinaggio a Roma assieme a un giovane compagno, il monaco Giovanni, che sarà poi il suo biografo e ne scriverà la "Vita". Appunto in un passo di questa leggiamo che, mentre i due stavano attraversando le Alpi sulla via del ritorno da Roma...
Leggi tutta la news...

Servizio e buone maniere a tavola dal Medioevo

Servizio e buone maniere a tavola dal Medioevo

L'uso di servire ai convitati una successione di piatti uguale per tutti, che oggi appare normale, un tempo non lo era affatto (questo tipo di servizio, detto "alla russa", si diffuse solamente nel XIX secolo). Nel Medioevo e nel Rinascimento...
Leggi tutta la news...

Il Kebab nel mondo

Il Kebab nel mondo

Il kebab (dall'arabo col significato di "carne arrostita" poi diventato in turco "kebap") è un piatto diffuso in tutto il mondo che affonda le sue radici nella gastronomia delle popolazioni di pastori nomadi dell'Asia Centrale. Un testo turco del 1377, il Kyssa-i Yusuf in 1377, è la fonte scritta più...
Leggi tutta la news...

Storia delle composte

Storia delle composte

'Composta', dal latino componere, «mettere insieme», è la variante gastronomica di termini che evocano le idee di costruzione, invenzione, artificio. Come il componimento letterario mette insieme le parole, le smonta e le rimonta per costruire un poema o un romanzo; come la composizione musicale mette insieme le note, le smonta e le rimonta per costruire una canzone o una sinfonia...
Leggi tutta la news...

Dolci di San Martino

Dolci di San Martino

Nel giorno consacrato a S. Martino si stilavano i bilanci dell’annata e venivano rinnovati i contratti agrari. Per il mondo contadino, dunque, l’11 di novembre era un giorno importante, una sorta di “capodanno”, di spartiacque stagionale da celebrare con lauti banchetti e grandi bevute...
Leggi tutta la news...

Dal convivium alla festa di corte medievale

Dal convivium alla festa di corte medievale

Abbiamo già evidenziato che il banchetto alto medievale appare soprattutto il luogo privilegiato nel quale si fondavano i legami di amicizia e di solidarietà dei gruppi. Verso il XII secolo pare tuttavia delinearsi un cambiamento strutturale: la festa organizzata e dominata dai potenti giunge al suo culmine e segna profondamente quella che noi definiamo...
Leggi tutta la news...

San Sebastiano tra sacro e profano

San Sebastiano tra sacro e profano

Uomini e donne biancovestiti avanzano a piedi scalzi recando in mano rami d’alloro in onore di San Sebastiano. Siamo a Tortorici, in provincia di Messina, dove ogni 20 di gennaio, in un’atmosfera di sacra paganità, va in scena la ‘dafnephoria’, la processione dell’alloro in ricordo del martirio del santo che ha legato il suo nome alle più importanti catacombe della cristianità.
Leggi tutta la news...

Il cibo dei pellegrini lungo la Via Francigena

Il cibo dei pellegrini lungo la Via Francigena

A partire dell’Alto Medioevo, iniziò ad aumentare il flusso di pellegrini smaniosi di visitare i luoghi santi. Le mete erano Roma, Gerusalemme e Santiago di Compostela. I penitenti, muniti di pochi cenci e misere vettovaglie, affrontavano camminate stremanti, spesso insidiose. Tuttavia, lungo la marcia, l’ospitalità non mancava, e “imbattersi” in qualche monastero (o umile baracca) dove assaporare una scodella di zuppa calda era una circostanza frequente…
Leggi tutta la news...

Ferri da cialde o da ostie

Ferri da cialde o da ostie

La forma schiacciata del pane consacrato cominciò ad apparire in Oriente alla fine del quarto secolo. S. Epifanio, morto nel 403 d.C., fu il primo a fare degli accenni su questo tipo di pane rotondo "Hoc est enim rotundae formae". Anche in Occidente le ostie, dopo il quinto secolo, assunsero la forma arrotondata, ma di diametro superiore e di spessore...
Leggi tutta la news...

Santa Barbara del grano

Santa Barbara del grano

Nel cuore dell’inverno la Grecia festeggia Santa Barbara, Aghia Varvara, con un tripudio di dolci e di zuppe a base di grano. Particolarmente suggestiva è la cerimonia che si svolge nelle chiese di Cefalonia la sera del 4 di dicembre. Nel corso dell’ ‘esperinòs’, la liturgia serotina, il pope benedice la ‘spernà’, una zuppa di grano riccamente condita con uvetta...
Leggi tutta la news...

Bonvesin de La Riva e il modo di comportarsi a tavola

Bonvesin de La Riva e il modo di comportarsi a tavola

Tra le diverse opere, è interessante una specie di raccolta di regole sul comportamento a tavola, un trattato in versi “De quinquaginta curialitatibus ad mensam” (Le cinquanta cortesie a tavola), con titolo in latino, ma redatto in volgare lombardo, che dà un’idea di come sedessero attorno al desco i commensali di quell’epoca...
Leggi tutta la news...

Cerimonia del tè: grazia ed armonia

Cerimonia del tè: grazia ed armonia

All'inizio del IX sec. i viaggiatori giapponesi in Cina portarono in patria la passione del tè. Inizialmente la bevanda era consumata quasi esclusivamente dai monaci buddisti, per mantenersi svegli nei lunghi periodi di meditazione. Dal XII sec. il tè si diffuse anche al di fuori dei monasteri, ed i giapponesi decodificarono così una vera e propria...
Leggi tutta la news...

Menjar blanc e Pappai biancu biancomangiare sardo

Menjar blanc e Pappai biancu biancomangiare sardo

Il Biancomangiare è una pietanza particolarmente diffusa nell’Europa medievale e ancor oggi conosciuto in tutte le regioni d’Italia, dalla Valle D’Aosta alla Sicilia, Basilicata compresa. In Sardegna si prepara principalmente in Alghero, dove viene chiamato “Menjar blanc”, e più raramente nel Campidano dove assume il nome “Pappai biancu”...
Leggi tutta la news...

Farcia o farsa

Farcia o farsa

E’ nata prima la farsa o la farcia? In realtà è la stessa parola, che indicava qualcosa per “riempire”, ma la più antica è quella che si riferisce alla cucina. La farcia o farsa teatrale era uno spettacolino comico di solito grossolano, in forma parodistica, che fin dall’alto medioevo serviva a riempire...
Leggi tutta la news...

Fainè sassarese

Fainè sassarese

I rapporti tra Sassari e Genova risalgono al lontano Medioevo, secondo una leggenda, le prime tracce di fainè si possono far risalire ai tempi della battaglia della Meloria (1284), quando i liguri sconfissero i pisani. Nel successivo trattato del 1294, onde favorire il sopravvento dei prodotti liguri si mirava a contenere le produzioni agricole sassaresi...
Leggi tutta la news...

Frodi alimentari dal taverniere al mugnaio

Frodi alimentari dal taverniere al mugnaio

Esiste un’aneddotica secolare, talvolta confermata dalla tradizione scritta, intorno alle frodi alimentari perpetrate a danno dei consumatori. Dal tavernire che allunga il vino con l’acqua, al mugnaio che mescola farina di pietra con quella di grano, all'oste che imbandisce il gatto al posto della...
Leggi tutta la news...

Storia del coltello

Storia del coltello

“In antico furono mani, unghie, denti l’armi degli uomini, poi le pietre e i rami spezzati dei boschi, poi appena noti, la fiamma e il fuoco. In seguito si scoprirono il bronzo e il ferro gagliardi”. Con queste parole il poeta latino Lucrezio (I sec. a.C.) espresse la progressiva elevazione...
Leggi tutta la news...

Entremets i divertimenti del banchetto

Entremets i divertimenti del banchetto

Termine francese entrato nell’uso della ristorazione internazionale che significa letteralmente “intermezzo” tra le portate principali. La parola venne in uso nel Medioevo quando i pranzi delle corti nobiliari duravano varie ore, comprendendo decine di pietanze. Tra una e l’altra erano servite...
Leggi tutta la news...

Piatto sua storia ed evoluzione

Piatto sua storia ed evoluzione

Conosciuto e diffuso già nella civiltà cretese, greca, etrusca e romana, il piatto poteva essere prodotto nei materiali più vari, dal vetro al legno, dal coccio al cristallo fino alla terracotta, materiale estremamente comune. Sulle mense più ricche potevano esserci anche piatti d'oro o d'argento...
Leggi tutta la news...

 La minestra del monaco

La minestra del monaco

L’urbe di Friesach (Carinzia) è uno dei luoghi più antichi di tutta l’Austria. Castelli, torri merlate, chiese, edifici, monumenti d'arte e monasteri testimoniano un tempo lontano che desta attrazione e interesse. Oltre ai manieri e i vari ruderi dell’età di mezzo, si assaporano usi e costumi della vita che fu...
Leggi tutta la news...

Cucina sarda medievale

Cucina sarda medievale

E’ un periodo di grande trasformazione che inizia in un momento di transizione passando dall’antica cultura classica romana a quella barbarica. Due civiltà alimentari molto diverse tra loro: quella romana è cresciuta ed ha vissuto attorno alla cultura alimentare del Mediterraneo che dava primaria importanza a grano-vino-olio, integrata con formaggi e carne...
Leggi tutta la news...

Sant’Andrea dei pesci

Sant’Andrea dei pesci

Andrea apostolo, di professione pescatore, in seguito al suo martirio, avvenuto il 30 di novembre del 60 d.C., nella città greca di Patrasso, assurgerà agli onori dei cieli in qualità di protettore di tutti i pescatori e marinai del mondo. E proprio loro, pescatori e marinai, dalla Grecia alla Spagna, passando per l’Italia, lo ricordano con sagre e feste nel suo ‘dies mortis’.
Leggi tutta la news...

Saor prelibatezza eclettica

Saor prelibatezza eclettica

Lo cita persino il “Libro per cuoco” ricettario di un anonimo veneto del ‘400 quale “salsa agrodolce per il pesce”. Il Goldoni evoca spesso questa pietanza nelle sue commedie, e ancor oggi, è piatto irrinunciabile durante la festa del Redentore che si tiene nel mese di luglio in riva al Canal Grande...
Leggi tutta la news...

San Matteo l'equinozio e il fico

San Matteo l'equinozio e il fico

I fichi sono il frutto di una pianta originaria del Medio Oriente, il Ficus carica, appartenente alla famiglia delle Moraceae. La sua coltivazione si è sviluppata in tutto il mondo e nel bacino mediterraneo oltre all’Italia, ne abbiamo di importanti in Turchia, Grecia, Algeria, Spagna, Libia, Marocco, Egitto e Palestina. Ne esistono moltissime varietà, circa 700 tipi, con buccia verde o nera, che fruttificano una o più volte all’anno...
Leggi tutta la news...

Suq il mercato arabo

Suq il mercato arabo

Il suq, talora chiamato anche bazar, per i popoli arabi indica il mercato, luogo deputato allo scambio delle merci. Nell'Islam classico esso costituiva - insieme alla moschea e al Palazzo del potere - il terzo centro funzionale della città musulmana. A differenza però della Moschea o del Palazzo, il suq non occupava quasi mai fisicamente il centro della città e questo a causa...
Leggi tutta la news...

Influenza araba nella cucina siciliana

Influenza araba nella cucina siciliana

Una grande fortuna giunse in Sicilia sotto gli arabi. Fecero della sua capitale, Palermo, l’epicentro della cultura richiamando a se uomini di vasta cultura che la arricchirono di grandissimi monumenti di cui ancora mostra vestigia. Gli scambi commerciali, con l’avvento dell’islam fecero giungere molti prodotti dell’agricoltura e dell’industria...
Leggi tutta la news...

San Alvise e i toresani in tecia

San Alvise e i toresani in tecia

Il 25 agosto era il giorno della ricorrenza liturgica di S. Ludovico, in veneziano S. Alvise. In italiano ci riferiamo più comunemente a “Luigi”, in latino Alojsius, donde “Alvise” nella lingua della Serenissima. E’ detto anche “Lodovico” dal tedesco “Ludwig”. Il santo in questione è Luigi D’Angiò, vescovo di Tolosa, figlio di Carlo D’Angiò, re di Napoli, che nacque in Italia...
Leggi tutta la news...

Mercati e commerci bizantini

Mercati e commerci bizantini

Se avessimo passeggiato nella capitale bizantina attorno al X secolo avremmo avuto l’idea di un grande mercato con innumerevoli officine-botteghe (ergastéria), collocate al piano terra degli edifici abitativi o nelle grandi strade porticate. Lo stato favoriva la concentrazione delle attività commerciali in vie o in quartieri specializzati...
Leggi tutta la news...

Alimentazione pieno Medioevo (X-XI sec.).

Alimentazione pieno Medioevo (X-XI sec.).

Tra X e XI secolo si verifica una vera e propria svolta, che, rompendo gli equilibri produttivi e alimentari faticosamente instaurati dalla società alto-medievale, apre una nuova fase della storia e pone le premesse di molte vicende che saranno proprie dell'età moderna. Il fatto più vistoso e caratterizzante è l'affermarsi deciso dell'economia agraria come base principale di sussistenza della maggior parte degli uomini...
Leggi tutta la news...

Arte dei lasagnari

Arte dei lasagnari

In passato la pasta era fatta prevalentemente dalle massaie per l’autoconsumo familiare, mentre quella prodotta per scopi commerciali era preparata da qualche fornaio o panetterie. Non si hanno documenti che attestino l’attività di veri e propri pastai fino alla seconda metà del ‘300, quando, nella “Cronaca” di Donato Velluti...
Leggi tutta la news...

63 articoli (2 Pagine, 50 per pagina)


Pagine: [ 1 | 2 ]