NOTIZIE CATEGORIA PERSONAGGI FAMOSI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
San Francesco e i mostaccioli

San Francesco e i mostaccioli

Fu durante il suo primo soggiorno romano che Francesco assaggiò quello che sarebbe diventato il suo perenne "peccato di gola": certi biscotti “boni e profumosi”, diceva il santo, che la stessa Jacopa de' Settesoli preparava e che gli offrì un giorno a casa sua. Tipici del periodo della vendemmia, erano fatti con la pasta di pane...
Leggi tutta la news...

Teodora e gli assedi gastronomici

Teodora e gli assedi gastronomici

Figlia di un guardiano del circo, dai bassifondi di Costantinopoli arrivò giovanissima ad Alessandria d’Egitto, dove con la sua prorompente bellezza, come prostituta d’alto bordo, riuscì a conquistare l’alta società. Sapendo che un bravo cuoco era più importante di un buon parrucchiere, strinse la c
Leggi tutta la news...

Dante e il girone dei golosi

Dante e il girone dei golosi

Secondo il Boccaccio, suo primo adorante biografo, Dante Alighieri aveva volto lungo, naso aquilino, grandi occhi, un accenno di scucchia, il labbro di sotto che sporgeva rispetto a quello superiore, ed era inoltre "di mediocre statura, e poiché alla matura età fu pervenuto, andò alquanto curvetto...
Leggi tutta la news...

Cecco Angiolieri ghiotto di cibo e donne

Cecco Angiolieri ghiotto di cibo e donne

Uomo frivolo e spensierato, disordinato e dissipatore, nacque a Siena da una potente famiglia di banchieri, ed ebbe come ideali solamente: le donne, la taverna e il dado (sono parole dello stesso Angiolieri). Nel corso della vita dilapidò le ricchezze paterne e morì in miseria carico di debiti, tanto che i figli rinunciarono alla sua eredità.
Leggi tutta la news...

Enrico II e il vino insanguinato

Enrico II e il vino insanguinato

Un aneddoto narra che Enrico fosse solito brindare con vino dolce “l’uscita di scena” di ogni suo avversario o coraggioso oppositore. E così fu anche alla morte di Tommaso Becket. I servi versarono il vino nella coppa dorata del sovrano, ma quando egli lo tracannò ebbe la sgradita sorpresa di assaporare la stomachevole reminescenza del sangue al posto di quella inconfondibile dell’ambrosia.
Leggi tutta la news...

Teodorico re dell’aglio

Teodorico re dell’aglio

Uno dei più celebri re barbari fu l’ostrogoto Teodorico il Grande che fece di Ravenna la nuova capitale dell'Impero Romano d'Occidente. Da giovane era il tipico guerriero di quei tempi (V sec. d.C.): alto, muscoloso, capelli lunghi, biondi e riccioluti, sopracciglia folte, con un collo taurino...
Leggi tutta la news...

Fra’ Dolcino e la minestra degli eretici

Fra’ Dolcino e la minestra degli eretici

Le gesta di Fra Dolcino prendono le mosse alla fine del XIII secolo, nell’Italia settentrionale, in Piemonte. Dolcino l’eretico degli eretici, uno dei primi ad opporsi alle angherie del clero. Egli fu condottiero di un manipolo di uomini che videro in lui il profeta dell’avvento di una nuova Chiesa, senz’altro più morigerata, lontana dalla sfarzose stanze romane, e sensibile alle richieste della gente comune...
Leggi tutta la news...

Marco Polo e la pasta

Marco Polo e la pasta

"...né pagano, saracino o tartero, né niuno huomo di niuna generazione non vide né cercò tante meravigliose cose del mondo come fece messer Marco Polo". [dal Milione]. Marco naqué a Venezia da una famiglia di viaggiatori e intraprese solo diciassettenne nel 1271, il famoso viaggio verso oriente...
Leggi tutta la news...

Goffredo di Buglione e il Preboggion

Goffredo di Buglione e il Preboggion

Nel 1096 Goffredo di Buglione guidò la prima Crociata, mostrando doti militari non comuni. Rimasto a Gerusalemme dopo la conquista della città, né organizzò la tutela, acquisendo il titolo di "Difensore del Santo Sepolcro". Fu onorato dopo la morte come sovrano cavaliere cristiano e crociato ideale...
Leggi tutta la news...

Alla tavola di Edoardo I Plantageneto

Alla tavola di Edoardo I Plantageneto

Re d'Inghilterra dal 1272 al 1307. Figlio di Enrico III ed Eleonora di Provenza governò per un lungo periodo favorendo nobili e attuando una politica di espansione, soprattutto a nord. Tuttavia le guerre per il controllo di Scozia e Guascogna non ebbero il successo atteso…
Leggi tutta la news...

Papa Martino IV il ghiottone

Papa Martino IV il ghiottone

Voluto a tutti i costi sul soglio pontificio dal re di Francia Carlo d’Angiò, fu incoronato ad Orvieto, che con Montefiascone divenne la sua residenza. È passato alla storia più per l’appetito che per l’impegno pastorale, e molti commentatori dell’epoca sembrano concordare con Dante sulla sua personalità.
Leggi tutta la news...

Papa Gregorio Magno e i peccati del gusto

Papa Gregorio Magno e i peccati del gusto

Gregorio Magno d’antica e nobile famiglia romana, dopo avere ricoperto cariche pubbliche, abbandonò il proprio rango diventando monaco e trasformando parte del suo palazzo in una casa di preghiera. Utilizzò gran parte della propria ricchezza per la fondazione di sette monasteri e distribuì...
Leggi tutta la news...

Matilde di Canossa e il banchetto di riconciliazione

Matilde di Canossa e il banchetto di riconciliazione

Poche donne hanno avuto, nella storia un ruolo importante quanto quello di Matilde di Canossa (Reggio Emilia), che partecipò da protagonista alla lotta tra l'Impero e la Chiesa. Data in sposa a Goffredo il Gobbo, dal quale si separò dopo soli tre anni, resse personalmente per quarant'anni lo stato di famiglia che si estendeva su buona parte dell'Italia settentrionale e centrale.
Leggi tutta la news...

Papa Bonifacio VIII e i suoi banchetti

Papa Bonifacio VIII e i suoi banchetti

Dopo le dimissioni di Celestino V, nel 1294 venne eletto papa Benedetto Caetani con il nome di Bonifacio VIII. Fu l’uomo che rappresentò il potere pontificio da vero monarca. Sulla sua tavola i cucchiai o le "furcelle" (forchette a tre rebbi) erano d'oro, come le saliere e le salsiere, mentre coppe o bicchieri...
Leggi tutta la news...

Petrarca e il tartufo

Petrarca e il tartufo

Petrarca fu incoronato poeta in Campidoglio nel 1341. Viaggiò moltissimo, svolgendo anche missioni diplomatiche grazie alla sua fama europea. Nel suo capolavoro “Il Canzoniere”, oltre a dare le espressioni più limpide ed appassionate dell’amore e del dolore, creando le forme ed il linguaggio propri della lirica moderna, egli probabilmente...
Leggi tutta la news...

Galeazzo II e il banchetto medievale

Galeazzo II e il banchetto medievale

Signore di Milano e di Pavia. Figlio di Stefano Visconti e di Valentina Doria, alla morte dello zio Giovanni (1354) ereditò i possedimenti più occidentali dello stato milanese. L’anno dopo, in seguito all’incoronazione a imperatore di Carlo IV di Lussemburgo avvenuta a Milano, ottenne con i fratelli Matteo II e Bernabò il vicariato imperiale.
Leggi tutta la news...

Boccaccio e le novelle sul cibo

Boccaccio e le novelle sul cibo

Giovanni nasce nel fiorentino figlio illegittimo di un ricco mercante. Avviato dal padre alla mercatura in Napoli, si diede alle lettere e frequentò la corte di Roberto d’Angiò, la cui figlia naturale Maria d’Acquino, fu da lui amata e poeticamente ricordata con il nome di Fiammetta.
Leggi tutta la news...

Re Alboino tra bollito misto e colomba

Re Alboino tra bollito misto e colomba

Famosa nella storia, ripresa anche dalla letteratura, è la figura di re Alboino, protagonista di una vicenda d'amore violento e passionale verso Rosamunda, la moglie che lo avvelenò per vendicarsi di essere stata costretta a bere vino nel teschio del padre, Cunimondo re dei Gepidi.
Leggi tutta la news...

Federico II di Svevia e i banchetti meravigliosi

Federico II di Svevia e i banchetti meravigliosi

La sua figura rimane una delle più importanti della storia, e a lui si deve il merito di aver riunito le culture di tre civiltà: normanna, araba e greco-latina. Nipote di Federico Barbarossa ebbe nel Regno di Sicilia il fulcro dei suoi interessi artistici e culturali. Amò la Puglia ricca di monumenti, campi fertili, boschi, che arricchì con numerose dimore imperiali e castelli...
Leggi tutta la news...

Paolo e Francesca simboli d'amore totale

Paolo e Francesca simboli d'amore totale

I versi danteschi, commoventi e così carichi di passione, descrivono in modo superbo l’ardore amoroso e la tragedia dei due giovani amanti ferocemente uccisi, che la tradizione vuole abbia avuto come teatro il Castello di Gradara. Francesca da Polenta, figlia di Guido Minore, signore di Ravenna, sposò nel 1275, in conformità...
Leggi tutta la news...

Manfredi il bello

Manfredi il bello

Manfredi di Sicilia detto anche Manfredi di Svevia o Manfredi di Hohenstaufen, discendente degli imperatori germanici e dei normanni di Sicilia, campione dei ghibellini italiani nemici della Chiesa di Roma, fu reggente dal 1250 e quindi re di Sicilia dal 1258. Figlio naturale di Federico II...
Leggi tutta la news...

Giotto fecondo possidente

Giotto fecondo possidente

Di famiglia contadina del Mugello, leggenda narra che venne notato dal Cimabue mentre ritraeva il suo gregge sui sassi, e preso dal maestro a bottega. Giotto iniziò ben presto a dipingere per conto proprio, e il Vasari
Leggi tutta la news...

Enrico il Navigatore e le spezie

Enrico il Navigatore e le spezie

Uno dei grandi miti della navigazione di tutti i tempi è rappresentato da Enrico il Navigatore principe della casa reale portoghese, terzo figlio di Giovanni I. Dopo aver ricevuto una solida educazione scientifica, nel 1415 durante la spedizione contro i musulmani del Marocco, raccolse informazioni...
Leggi tutta la news...

Papa Clemente VI e i banchetti avignonesi

Papa Clemente VI e i banchetti avignonesi

Clemente V eletto papa nel 1305, fu colui che per “sottrarsi ai torbidi cittadini di Roma”, con il pretesto del clima insalubre della città, scelse di fissare la sua nuova dimora ad Avignone. Con il termine di cattività avignonese si intende il periodo che i pontefici e la loro corte trascorsero...
Leggi tutta la news...

Cangrande della Scala e i banchetti scaligeri

Cangrande della Scala e i banchetti scaligeri

Figlio terzogenito, la sua nascita venne preceduta da una premonizione della madre, nella quale il figlio urlava possentemente per svegliare il mondo. Si mostrò risoluto sin da giovane, quando, dopo un colpo di fulmine, sposò la giovanissima Giovanna d’Antiochia, splendida fanciulla di passaggio
Leggi tutta la news...

Giustiniano raffinato gourmet

Giustiniano raffinato gourmet

Giustiniano studiò a Costantinopoli ed in seguito fu avviato alla gestione dell'amministrazione pubblica dallo zio, l'imperatore Giustino, che lo associò al trono facendone il suo legittimo erede. Sposata Teodora, do
Leggi tutta la news...

Carlo Magno l’imperatore degli arrosti

Carlo Magno l’imperatore degli arrosti

Carlo Magno primo imperatore del Sacro Romano Impero ereditò a ventisei anni il regno dal padre e dal fratello. Gli storici del tempo lo descrivono come uomo imponente, alto un metro e novanta, con occhi grandi e vivaci, folta capigliatura bionda ed una voce possente. Aveva un animo dolce e...
Leggi tutta la news...

27 articoli (1 pagina, 50 per pagina)


Pagine: