NOTIZIE orto - frutti


Categoria: orto - frutti

Orto sua importanza nella storia


Carlo Magno già alla fine dell'VIII sec. riconosceva l’importanza dell’orto nel suo Capitulare de villis.
In questo trattato è possibile leggere: “volumus quod in horto omnes herbas habeant” (vogliamo che nell’orto ci siano tutte le erbe). Più di settanta le specie elencate, utilizzate per uso alimentare, aromatico e medicinale.
Furono i monasteri i luoghi dove lavorare l'orto divenne un'arte, legata a conoscenze e capacità non solo empiriche ma anche botaniche ed erboristiche.
In genere la cultura medioevale europea, assai attenta a segnalare le differenze di ceto anche con gli usi alimentari, identificava le verdure come “cibo da poveri”, e il fetore d’aglio, cipolla o porri veniva spesso evidenziato negli scritti dell’epoca.
Invece, nei ricettari italiani di corte, per la profonda condivisione di saperi tra mondo contadino e quello cittadino-nobiliare, comparivano con naturalezza non solo verdure, ma anche funghi, tartufi ed erbe odorose come maggiorana e menta (i due profumi caratteristici della cucina medievale e rinascimentale), rosmarino, prezzemolo, salvia, aneto.
Leggi ricetta
Leggi news sapori orto nobili e plebei
Leggi news alimentazione selvatica o domestica
Leggi news arte e verdura
Leggi news orto romani





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria