NOTIZIE CATEGORIA VINO E VITIGNI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
La vite alla conquista del mondo

La vite alla conquista del mondo

La vite, in latino "Vitis" pianta ormai diffusa in tutto il mondo ha delle origini antichissime che affondano nella leggenda ,il suo nome non è casuale, ma fa riferimento alla capacità del vino di stimolare e mantenere vivo il calore naturale indispensabile alla vita. Le leggende sulla vite sono innumerevoli...
Leggi tutta la news...

Storia Perricone un calice di benessere

Storia Perricone un calice di benessere

Il Perricone è un vitigno a bacca rossa, originario della Sicilia occidentale largamente coltivato, fino alla prima metà del novecento, in provincia di Palermo e di Trapani soprattutto per vinificare il Marsala Ruby in assemblaggio con altre uve locali. Come spesso accade per le uve siciliane, anche le informazioni disponibili su questo vitigno sono realmente poche...
Leggi tutta la news...

Primitivo di Manduria vino potente ed elegante

Primitivo di Manduria vino potente ed elegante

Recenti studi sul DNA del Primitivo hanno stabilito che le sue origini risalirebbero ai Balcani, ma è certamente in Puglia che si è meravigliosamente radicato nel territorio, dando nella zona intorno a Manduria risultati particolarmente interessanti. I primi documenti storici sul Primitivo si attestano alla seconda metà del 1700...
Leggi tutta la news...

Storia uve da tavola

Storia uve da tavola

In Italia è stato dopo l'unità del paese che si cominciano a distinguere le uve da vino rispetto a quelle da mensa, ma la storia dell’importanza anche simbolica dell’uva è molto antica. Nelle civiltà greca i grappoli di uva vengono usati come corone per ninfe, dei ed eroi. Sulle tavole aristocratiche romane ha un posto da privilegio nei banchetti come frutto del piacere...
Leggi tutta la news...

Storia del Marsala colore di Sicilia

Storia del Marsala colore di Sicilia

Quella del vino Marsala è una storia atipica, intrisa di eventi, fatti, affari e commerci. Al centro di questa storia si trova il commerciante inglese John Woodhouse che, nel 1773, dopo essere approdato nel porto di Marsala, si ristorò con il suo equipaggio bevendo il buon vino del luogo. Il vino, che veniva trattato con il metodo di invecchiamento detto perpetuum...
Leggi tutta la news...

Arvisionadu di Sardegna

Arvisionadu di Sardegna

Le prime citazioni scritte del vitigno si ritrovano nel prezioso testo, “Agricoltura di Sardegna”, di Andrea Manca dell’Arca del 1780, che lo classifica fra le uve bianche e lo chiama: “Arvu siniagu”. Sante Cettolini, nel 1897, fa presente che è un vitigno coltivato anche nel Nuorese, con il nome di: “Arvusiniagu"...
Leggi tutta la news...

Il liquore di mirto in Sardegna

Il liquore di mirto in Sardegna

La Sardegna, agli occhi dell’avventore estivo, viene vista come la terra del mirto, non per la sua lussureggiante macchia ma per il liquore che ne viene prodotto, diventato negli ultimi anni souvernir prediletto. L’origine di questo modernissimo liquore si può ipotizzare possa trarre origine dalle antiche infusioni di vino ed erbe aromatiche...
Leggi tutta la news...

Tipologie di vini Molise

Tipologie di vini Molise

Secoli prima di Cristo era attiva in queste contrade di alta collina la coltivazione della vite. E’ però solo dall’Unità d’Italia che si comincia a parlare del vino molisano. Lo storico Galanti, nel 1871 annota che il Molise è un forte produttore di vino, tanto che ne fa commercio con gli Abruzzi...
Leggi tutta la news...

La sete del Genio

La sete del Genio

Il vino ha dalla sua, una splendida letteratura. Ricorrenze familiari, incontri ufficiali, transazioni d'affari, tutto viene salutato con un calice colmo di questa bevanda. Col vino gli antichi combattenti lavavano le ferite.
Gli antichi
Leggi tutta la news...

Uva da tavola di Mazzarrone IGP

Uva da tavola di Mazzarrone IGP

L’Uva da Tavola di Mazzarrone IGP presenta acini di forma sferoidale-ellissoidale con buccia di colore nero, rosso o bianco, dalla polpa compatta di sapore dolce e gustoso. La pezzatura del grappolo deve essere minimo di 350-400 grammi a seconda della varietà. La zona di produzione geografica interessata comprende vari comuni a cavallo delle province di Catania e Ragusa...
Leggi tutta la news...

Uva da tavola di Canicattì IGP

Uva da tavola di Canicattì IGP

L’Uva da Tavola di Canicattì IGP presenta acini di forma sferoidale-ellissoidale di dimensioni medio grosse, caratterizzati da una
polpa carnosa e croccante, dolce con delicato aroma di moscato. L’epicarpo è giallo tenue - giallo paglierino dorato. La zona di produzione dell’Uva da Tavola di Canicattì IGP comprende diversi comuni in provincia di Agrigento e Caltanissetta...
Leggi tutta la news...

Rivoluzione del Vino italiano

Rivoluzione del Vino italiano

Negli ultimi quarant’anni l’Italia del vino ha compiuto una vera rivoluzione. Sono sparite le viti sostenute o “maritate” all’albero (tutore vivo), le coltivazioni “promiscue” (stesso campo con grano o ortaggi alternati a viti e olivi), e le tradizioni di portare a spalla in cantina le ceste d’uva da pigiare con i piedi.
Leggi tutta la news...

Galateo per servire il vino

Galateo per servire il vino

Regole del servizio a tavola: Lasciare sempre visibile l’etichetta, evitando di coprirla con la mano. Aprire una bottiglia effervescente senza fare il botto. Versare un vino effervescente lentamente in modo da non far uscire la spuma dal bicchiere. Lasciare la polvere su un vino...
Leggi tutta la news...

Invecchiamento del Vino

Invecchiamento del Vino

Conclusa la fermentazione alcolica, il vino si presenta velato, sgraziato al gusto e con profumi dominati dalla vinosità, niente affatto complessi. C’è bisogno di tempo perché la bevanda trovi l’armonia tra i suoi componenti. L’invecchiamento è lungo rispetto ai tempi di coltivazione, e trascorre nel silenzio della cantina...
Leggi tutta la news...

Nebbiolo antica nobiltà

Nebbiolo antica nobiltà

Sarà possibile che tutte le volte che si parla di grandi vini il pensiero corre esclusivamente a quelli prodotti con vitigni francesi? Per lo meno all’estero quando si cercano i riferimenti di grandi vini, oltre ai soliti francesi cui si accennava, si ricorda anche il nostro nebbiolo. Padre di grandi vini, è uno dei vitigni a noi più invidiati per la capacità di generare prodotti di grandi...
Leggi tutta la news...

Tutti pazzi per il vino bio

Tutti pazzi per il vino bio

Vuoi per la moda o per manie salutistiche ma la filosofia del biologico negli ultimi anni ha raggiunto maggiore diffusione. Biologico, nell’immaginario collettivo, vuol dire qualità: prodotti creati in modo naturale senza l’artifizio chimico in un ambiente rispettoso della natura. Non a caso si è detto immaginario collettivo, perché spesso, non pochi sono...
Leggi tutta la news...

Storia del pisco: dal Cile il nettare del sole

Storia del pisco: dal Cile il nettare del sole

«In una sola goccia un milione di anni di sole»: così raccontava il pisco il poeta Pablo Neruda. Il pisco nasce ai tempi della colonizzazione spagnola con la trasmissione agli indigeni delle uve e delle conoscenze sul processo di distillazione. Sulle origini della parola pisco ci sono opinioni discordanti.
Leggi tutta la news...

Vitigni rossi internazionali più noti

Vitigni rossi internazionali più noti

Cabernet Franc - È spesso usato insieme al Cabernet Sauvignon e al Merlot, ma i vini Cabernet franc più puri provengono dalla Loira. Il vino prodotto da queste uve è spesso più dolce e meno tannico del Cabernet Sauvignon, ma molto più pieno del Merlot...
Leggi tutta la news...

Marche l’area del Verdicchio e Rosso Piceno

Marche l’area del Verdicchio e Rosso Piceno

Si può ritenere che la coltura della vite fosse fiorente sulle pendici collinari marchigiane già prima della conquista Romana (268 a.C.). Allora la viticoltura era fra i settori portanti dell’economia agricola, tanto che prima Catone e po Varrone scrissero ammirati sulle elevate rese dei vigneti del
Leggi tutta la news...

Vitigni bianchi internazionali più noti

Vitigni bianchi internazionali più noti

Chardonnay - I vini più famosi di Borgogna e Champagne sono prodotti con questo vitigno che ora viene coltivato quasi ovunque. Lo Chardonnay è spesso fresco e piacevole quando non è invecchiato nelle botti di rovere. Altrimenti dopo quest’affinamento, diventa grasso, denso con profumi e sapori caratteristici...
Leggi tutta la news...

Valle d’Aosta dal Donnas all'Enfer d’Arvier

Valle d’Aosta dal Donnas all'Enfer d’Arvier

Aosta, città principale della valle, deriva il suo nome da “Augusta Praetoria”, in onore dell’imperatore Augusto. Anticamente questa terra era abitata dai Celti Salassi, popolo fiero d’origine ligure-gallica, e fu il console Aulo Terenzio Varrone Murena che riuscì a vincere la loro resistenza dopo l
Leggi tutta la news...

Stappare vini rossi invecchiati

Stappare vini rossi invecchiati

Si presume che i vini rossi contengano del deposito. Pertanto, prima del consumo sarebbe opportuno tenerli per qualche giorno in posizione verticale; e sempre in verticale si porta in sala la bottiglia. Poi si stappa con la stessa sequenza d’operazioni già segnalate per il vino fermo.
L’unico ac
Leggi tutta la news...

Degustare il vino

Degustare il vino

Una degustazione completa si articola in una sequenza precisa di momenti, suddivisi negli esami: visivo, olfattivo, gustativo. Visivo -Si osserva attentamente il vino mentre viene versato nel bicchiere, quindi si porta il calice all’altezza degli occhi prendendolo per lo stelo al fine di valutare: trasparenza, limpidezza, e l’eventuale effervescenza del vino...
Leggi tutta la news...

Stappare vini effervescenti

Stappare vini effervescenti

La bottiglia di vino effervescente va tolta dal secchiello del ghiaccio e asciugata per evitare ogni sgocciolamento. Dopo averla appoggiata sul tavolo di servizio, si impugna saldamente il collo con una mano tenendo il tappo con il pollice, mentre con l’altra si svita la gabbietta. Una volta liberat
Leggi tutta la news...

Stappare vino fermo

Stappare vino fermo

Si pone la bottiglia sul tavolo in modo che la maggior parte dei commensali possa vedere l’etichetta. Per prima cosa si taglia la capsula nella parte inferiore dell’anello utilizzando il coltellino del cavatappi, la si toglie e la si appoggia su un piattino.
Sulla parte superiore della bottigli
Leggi tutta la news...

Piramide della qualità dei vini

Piramide della qualità dei vini

Per meglio riconoscere la gerarchia qualitativa dei vini italiani, allo stato attuale possiamo fare riferimento allo schema di una piramide suddivisa in più livelli. I livello, quello collocato alla base, troviamo i vini da tavola generici, che hanno nell’etichetta solamente un riferimento al colore (bianco, rosso, rosato), oltre al nome e al marchio dell’azienda imbottigliatrice...
Leggi tutta la news...

26 articoli (1 pagina, 50 per pagina)


Pagine: