NOTIZIE CATEGORIA PERSONAGGI FAMOSI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
Marinetti e la Cucina Futurista

Marinetti e la Cucina Futurista

Era il 28 dicembre 1930 quando il quotidiano torinese “La Gazzetta del Popolo” pubblicò a piena pagina il manifesto della cucina Futurista, scritto e meditato da Filippo Tommaso Marinetti. Poeta e padre spirituale del movimento Futurista, nato nel 1909 per rivoluzionare arte, letteratura...
Leggi tutta la news...

Oscar Wilde e i suoi detti culinari

Oscar Wilde e i suoi detti culinari

"Quando sono veramente nei guai, come può dire chiunque mi conosca, rifiuto tutto tranne che di mangiare e bere". E' solo uno dei memorabili detti che nella loro semplice profondità ci fanno capire di avere a che fare con una mente geniale. La mente è quella di Oscar Wilde, scrittore, poeta e drammaturgo, ma anche esperto conoscitore di cibi e vini...
Leggi tutta la news...

Giuseppe Mazzini dolce, caffè e cioccolato

Giuseppe Mazzini dolce, caffè e cioccolato

Nato a Genova nel 1805, già da fanciullo imparò con inusitata volontà a leggere mentre studiano le sorelle. A soli 15 anni venne ammesso alla facoltà di legge dell’Università della città natale, ma fin dall'adolescenza si mostrò più aperto agli interessi politici e letterari che non alla giurisprudenza...
Leggi tutta la news...

Imperatore Francesco Giuseppe e i pranzi in famiglia

Imperatore Francesco Giuseppe e i pranzi in famiglia

Sovrano della dinastia degli Asburgo-Lorena, ebbe un regno dei più lunghi della storia. Primogenito dell'arciduca Francesco Carlo, a seguito di vicissitudini dinastiche, dall’età di 5 anni venne cresciuto dalla madre con l'intento di farne l'erede al trono.
Leggi tutta la news...

La cucina di Alice B. Toklas

La cucina di Alice B. Toklas

Nel contenuto del libro, scrive interi capitoli analizzando temi precisi, come: La tradizione francese, Il cibo nelle case francesi, Piatti francesi poco conosciuti adatti per la cucina inglese e americana e Piatti per artisti. Analisi e dettagli conseguenti alle loro interessanti frequentazioni francesi...
Leggi tutta la news...

Scrittori di cose scrittori di cibo

Scrittori di cose scrittori di cibo

Il raffinato esteta d’Annunzio aborre la menzione e la descrizione dei cibi e dell’atto dell’alimentarsi che mal si armonizzano con le atmosfere rarefatte ed eleganti delle sue scenografie narrative e con il linguaggio aulico e ricercato che adopera...
Leggi tutta la news...

Pirandello l’umorismo è servito!

Pirandello l’umorismo è servito!

Accanto alle sfumature di tipo realistico-connotativo e strutturale, in Pirandello il cibo è reiteratamente caricato di forte significato simbolico e metaforico, sia a livello linguistico che a livello letterario. Nel dramma L’uomo dal fiore in bocca, l’acre disperazione del protagonista consapevole dell’imminenza della fine è espressa nell’immagine delle albicocche...
Leggi tutta la news...

Totò e la gioia del palato

Totò e la gioia del palato

Antonio de Curtis si mise in luce nelle serate di trattenimento della piccola borghesia napoletana, e successivamente nel teatro di varietà, nella rivista, e nel cinema. Totò amava mangiare e aveva culto della buona tavola, anche in ricordo dei duri anni di gavetta in cui aveva patito la fame.
Leggi tutta la news...

D’Annunzio il ghiotto

D’Annunzio il ghiotto

Gabriele D'Annunzio nacque a Pescara nel 1863 da famiglia borghese, che viveva grazie alla ricca eredità dello zio Antonio D'Annunzio. Dopo il liceo frequentato a Prato, s’iscrisse alla facoltà di Lettere di Roma, dove senza portare a termine gli studi universitari, condusse una vita sontuosa...
Leggi tutta la news...

Napoleone e il cibo di guerra

Napoleone e il cibo di guerra

Fu vera gloria? si chiese Alessandro Manzoni. Gloriosa fu di certo la sua esistenza. Nato povero o quasi, era a 18 anni sottotenente, a 24 comandante, a 26 salvatore della Patria, a 30 console, a 35 imperatore, e via sempre più su fino all'inevitabile declino con l'esilio definitivo nell'isoletta sperduta di Sant'Elena.
Leggi tutta la news...

Salvator Dalì e il surrealismo gastronomico

Salvator Dalì e il surrealismo gastronomico

Sregolato, eccentrico, esagerato, famelico come solo un genio può esserlo.
Durante la sua vita ha operato in diversi campi dell'arte: pittore, scrittore, illustratore, scenografo, disegnatore di gioielli e mobili. È stato uno degli elementi di spicco del Surrealismo, il movimento che tendeva ad esprimere l'io interiore in piena libertà senza l'intervento della ragione.
Leggi tutta la news...

Regina Vittoria e Christmas pudding

Regina Vittoria e Christmas pudding

A Natale, gli inglesi hanno nel Christmas pudding il dolce tradizionale per eccellenza. All'origine, nel XIV° secolo, era un "porridge" chiamato frumenty, che veniva fatto bollendo manzo e montone con uvetta, more, prugne, vino e spezie. Spesso questo risultava una zuppa che veniva mangiata come...
Leggi tutta la news...

Giosuè Carducci gran buongustaio

Giosuè Carducci gran buongustaio

Infanzia errabonda e inquieta, a causa delle traversie economiche della famiglia, fu quella di Giosuè, fanciullo ribelle, selvatico e vivacissimo,. Il padre medico, politicamente sospettato come liberale e inviso alle autorità, fu costretto a diversi trasferimenti in Maremma per arrivare ad ottenere...
Leggi tutta la news...

Mangiare da Papa: da Pietro a Giovanni

Mangiare da Papa: da Pietro a Giovanni

Quando si sta bene, diciamo che stiamo come un papa, affermazione che non deriva dal potere spirituale e politico del pontefice, ma forse dal contesto in cui vive. I primi ricettari gastronomici provengono da monasteri e conventi, cibo e religione sono da sempre legati ed è per questo che vogliamo citarvi alcune curiosità...
Leggi tutta la news...

Francesco II Borbone re lasagna

Francesco II Borbone re lasagna

Il Re che “ consegnò” il regno Due Sicilie all’Unità d’Italia fu sovrano per un breve periodo dal 22 maggio 1859 al 13 febbraio 1861. Francesco II Borbone chiamato affettuosamente anche "Re lasagna" appellativo coniato per lui dal padre a causa della passione nutrita per le lasagne, pasta molto in uso tra i cultori del cibo del Sud Italia...
Leggi tutta la news...

Conte di Cavour cibo e diplomazia

Conte di Cavour cibo e diplomazia

Tra coloro che vengono considerati “Padri della Patria”, sicuramente si deve ricordare il conte Camillo Benso di Cavour. Nato in Piemonte, intraprese con scarsi risultati la carriera militare, facendosi poi congedare per la grave forma di miopia che lo affliggeva. Oltre alle passioni per politica, donne e gioco, aveva anche quella per la buona tavola.
Leggi tutta la news...

Garibaldi e la mensa essenziale

Garibaldi e la mensa essenziale

L'eroe dei due Mondi aveva abitudini alimentari semplici ed essenziali. Sopra alla sua mensa spiccavano rustiche zuppe di verdure e legumi, stoccafisso, salame, formaggio, fichi secchi, anche se non disdegnava preparazioni come le “trenette al pesto”. Le gallette da marinaio con uva passa sembra che fossero il dessert preferito dal generale, e i “Biscotti Garibaldi"...
Leggi tutta la news...

Bettino Ricasoli barone del vino

Bettino Ricasoli barone del vino

Dopo aver governato Firenze, alla morte di Cavour divenne Presidente del Consiglio (‘61-62 e ‘67-68) affrontando con determinazione vari problemi: dal riconoscimento da parte delle principali potenze europee, agli spinosi rapporti col Papato, al brigantaggio meridionale fomentato dall’ex Corte Borbonica. A causa del suo operare inflessibile ben presto fu però costretto a dimettersi...
Leggi tutta la news...

Arturo Toscanini mito bollente

Arturo Toscanini mito bollente

Nacque a Parma da famiglia assai modesta, ma con grande ingegno e ferrea volontà seppe raggiungere mete elevatissime. Studiò al conservatorio di musica della città natale, dove si distinse subito per le eccelse doti musicali. Divenne professore di violoncello, maestro compositore e a soli ventenni...
Leggi tutta la news...

Maria Luigia (Luisa) d'Austria la duchessa golosa

Maria Luigia (Luisa) d'Austria la duchessa golosa

Figlia dell’imperatore d’Austria Francesco I°, per ragioni di stato sposò nel 1810 Napoleone I a cui dette un figlio. Investita della reggenza durante la campagna di Russia, non s’interessò attivamente degli affari di governo. Dopo l’abdicazione di Napoleone, nel 1816 dal congresso di Vienna...
Leggi tutta la news...

Pietro Mascagni mito gaudente

Pietro Mascagni mito gaudente

Nato nel 1863 da un fornaio che l’avrebbe visto volentieri impastare, lievitare, e cuocere pagnotte, secondo la tradizione di famiglia, riuscì invece a studiare musica, dapprima nella sua Livorno e poi grazie ai sussidi di un mecenate al Conservatorio di Milano. Mascagni, con il trionfo della...
Leggi tutta la news...

Giacomo Puccini cuoco e gastronomo

Giacomo Puccini cuoco e gastronomo

Giacomo Puccini nacque a Lucca da una famiglia di musicisti, dimostrando di possedere fin da piccolo un grande talento musicale. Di temperamento indolente e poco incline allo studio, in quel periodo della sua vita si limito ad accompagnare con l'organo le funzioni religiose...
Leggi tutta la news...

Alessandro Manzoni pigro goloso

Alessandro Manzoni pigro goloso

Alessandro Manzoni, l’esponente più importante del romanticismo italiano, visse il suo tempo cercando di interpretarne gli ideali e l’impegno morale. Nella sua opera più celebre "I Promessi Sposi”, trattò il tema della fame con una prospettiva inedita per la letteratura romanzesca precedente, conferendo all’argomento serietà e dignità. Lo scrittore milanese presentò...
Leggi tutta la news...

Georges Bizet e il menù di Carmen

Georges Bizet e il menù di Carmen

Un posto particolare tra i musicisti dell'Ottocento è occupato dal francese Georges Bizet , che sin dall'infanzia rivelò spiccate tendenze musicali. Il padre, insegnante di canto, fu il suo primo maestro. Il caso di Bizet è veramente bizzarro, o meglio paradossale. Dal 1852 lavorò come trascrittore...
Leggi tutta la news...

Vincenzo Bellini tra banchetti e donne

Vincenzo Bellini tra banchetti e donne

Figlio di un'organista, compositore e maestro di cappella, Vincenzo Bellini, seguì le prime lezioni con il nonno e il padre, dimostrando subito di essere un fanciullo musicalmente dotato. Secondo un documento dell'epoca, a soli cinque anni sapeva già suonare il pianoforte "in modo degno...
Leggi tutta la news...

Gaetano Donizetti e la dolce fretta

Gaetano Donizetti e la dolce fretta

D'umili origini bergamasche, il padre portiere al Monte dei Pegni e la madre tessitrice, passò l’infanzia in una specie di scantinato buio. A nove anni venne ammesso alle "Lezioni caritatevoli di musica" dirette da Mayr. Il maestro lo prese a benvolere, tanto da curare personalmente la sua...
Leggi tutta la news...

Giuseppe Verdi e la cucina semplice

Giuseppe Verdi e la cucina semplice

Nato vicino a Busseto (PR) da un oste e una filatrice, Giuseppe Verdi manifestò precocemente il suo talento musicale. Già a trentaquattro anni il compositore raggiunse fama internazionale. Le sue opere, dal Nabucco all'Aida, erano rappresentate con frequenza in tutti i teatri del mondo...
Leggi tutta la news...

Edoardo VII e le crepes Suzette

Edoardo VII e le crepes Suzette

Si racconta che al Café de Paris di Montecarlo il principe di Galles (futuro re Edoardo VI) ordinò delle crepes. Venne incaricato di fare la preparazione il giovane apprendista cuoco Henri Carpentier, che emozionato per l'onore aggiunse troppo liquore facendo prendere fuoco al tegame...
Leggi tutta la news...

Vittorio Emanuele II il ghiotto galantuomo

Vittorio Emanuele II il ghiotto galantuomo

Il re che fece l’Italia giocava a biliardo, fumava il sigaro, era di modi un po’ bruschi e amava la buona tavola. Nei lauti pranzi del re non mancavano mai i suoi golosi piatti preferiti: tajarin, selvaggina al civet o alla brace, bagna caoda (ma rigorosamente condita con solo aglio, olio e acciughe), ma anche semplicissime uova sode servite tritate con il condimento di prezzemolo...
Leggi tutta la news...

Strauss e la cotoletta

Strauss e la cotoletta

Nonostante l’opposizione del padre, Johann senior, che lo voleva banchiere, Johann II fu prima musicista, guidando un’orchestrina in tour fortunatissimi per l’Europa e gli USA, e poi compositore. Arricchì quell’elegante raccolta di valzer viennesi, che hanno legato il nome degli Struss alla...
Leggi tutta la news...

Metternich il despota goloso

Metternich il despota goloso

Diplomatico e statista austriaco, ha impersonato il maggior esponente del conservatorismo europeo del suo tempo. Nell’Italia di inizio/metà ‘800 dove il sentimento risorgimentale era forte, fu il rappresentante dell’oppressivo sistema austriaco. Nonostante l’immagine dispotica, di Metternich...
Leggi tutta la news...

Charles Baudelaire e le gioie del vino

Charles Baudelaire e le gioie del vino

Grande poeta francese che celebrò con i suoi scritti i piaceri della vita e fra gli altri, quelli del cibo e del vino. Indignato con Brillat-Savarin, secondo il quale il vino “non è altro che un liquore che si fa con il frutto della vite”, Baudelaire afferma in «Les paradis artificiels» che “se il vino dovesse un giorno sparire dalla produzione...
Leggi tutta la news...

Gioacchino Rossini grandissimo gourmet

Gioacchino Rossini grandissimo gourmet

È stato sia uno dei più importanti creatori del bel canto italiano (oltre trenta opere), sia un devoto appassionato di cucina. "Non conosco un’occupazione migliore del mangiare, cioè, del mangiare veramente. L'appetito è per lo stomaco quello che l'amore è per il cuore. Lo stomaco è il direttore che dirige la grande orchestra delle nostre passioni”.
Leggi tutta la news...

Caruso ugola e palato sopraffini

Caruso ugola e palato sopraffini

Il celebre tenore napoletano Enrico Caruso amava cantare e anche mangiare. A tavola con lui c'era spesso una folta schiera di parenti, che lo seguivano sia nelle tournée, sempre più prestigiose in Italia e nel mondo, che nelle mangiate, preparate dai contadini che lavoravano nei quaranta ettari della sua tenuta in Toscana. A Caruso piaceva parlare e stare con la gente semplice...
Leggi tutta la news...

Giacomo Leopardi goloso di dolci

Giacomo Leopardi goloso di dolci

Giacomo Leopardi apparteneva ad una famiglia benestante marchigiana, proprietaria terriera di vigne ed oliveti dal XV sec. Grazie all’ingegno precoce, non compreso dai familiari, acquisì un’incredibile cultura, applicandosi però così intensamente allo studio da rovinarsi la salute...
Leggi tutta la news...

Alessandro Volta e le patate

Alessandro Volta e le patate

Come fisico autodidatta fu inventore della pila, ed autore degli studi che portarono allo sfruttamento pratico dell’energia elettrica. Alessandro Volta, uno dei più famosi scienziati del mondo, avrebbe lasciato all’insaputa dei più anche un'impronta nella gastronomia italiana. Si narra, che di ritorno dalla Francia dopo uno dei tanti viaggi di studio, avrebbe portato in dono alla famiglia uno strano regalo.
Leggi tutta la news...

Nicolas Appert e le conserve alimentari

Nicolas Appert e le conserve alimentari

Per secoli, la conservazione dei cibi si è limitata esclusivamente alla salagione, all’essiccazione e all’affumicamento, metodi che però non preservavano dalla minaccia dello scorbuto. La vera nascita delle conserve alimentari viene fatta risalire all'ingegnoso Nicolas Appert. Questo cuoco e pasticciere francese arrivò nel 1802...
Leggi tutta la news...

Regina Margherita torte e pizze

Regina Margherita torte e pizze

Figlia di Ferdinando di Savoia, sposò il cugino Umberto a soli diciassette anni. Bionda e di bel portamento, Margherita sviluppò un carattere religioso e conservatore, dimostrando un notevole interesse per le arti. Le sue eccellenti qualità di comunicatrice, supportate dal sentito coinvolgimento nelle opere filantropiche...
Leggi tutta la news...

Giuseppe Giusti: Fama e Fame

Giuseppe Giusti: Fama e Fame

E' vero che molti giganti della storia lo sono stati anche nell’appetito? Che rapporti corrono tra buona tavola e buona letteratura? Tra buona tavola e buona musica? E fra tavola e tavolozza? Insomma, è vero, come qualcuno insinua, che il genio, nove volte su dieci, passa per il palato?
Leggi tutta la news...

Talleyrand e i banchetti diplomatici

Talleyrand e i banchetti diplomatici

Charles-Maurice de Talleyrand uomo della Rivoluzione e della Restaurazione, ministro di Napoleone e poi dei Borbone, fu soprattutto un tempista eccezionale nello sfruttare, oltre i limiti del cinismo, le debolezze degli uomini. E dove mai l'uomo è più debole e indifeso che a tavola? Perciò Talleyran
Leggi tutta la news...

Cesare Ritz inventore della moderna ospitalità

Cesare Ritz inventore della moderna ospitalità

Famoso albergatore svizzero, creatore dello stile moderno dell’ospitalità di lusso. Figlio di un pastore, divenne proprietario o amministratore dei più famosi hotel della suo epoca (detti “palace” per la loro magnificenza).
Nel 1867 era cameriere da “Voisin”, un ristorante di Parigi allora celeb
Leggi tutta la news...

Arthur Wellesley Wellington il non gourmet

Arthur Wellesley Wellington il non gourmet

Arthur Wellesley, grande politico e soldato inglese, ricevette il titolo di Duca di Wellington per avere sconfitto nel 1815 Napoleone a Waterloo.
Uomo rude, schietto, di poche parole, fu molto ammirato, stimato,
Leggi tutta la news...

Pulcinella mangiamaccheroni

Pulcinella mangiamaccheroni

Alcuni critici fanno risalire Pulcinella, maschera napoletana della commedia dell'arte, a Maccus personaggio delle farse popolari chiamate Fabulae Atellanae, perché la tradizione le vuole nate nel IV sec. nell'antica Atella, citta romana nel territorio di Aversa e Capua, a nord di Napoli. Le Atellane furono una tipologia di spettacolo molto celebre nell'antica Roma...
Leggi tutta la news...

Radetzky goloso di gnocchi

Radetzky goloso di gnocchi

Feldmaresciallo austriaco, nato da una famiglia di antica nobiltà boema economicamente decaduta, entrò come cadetto nell'esercito imperiale austriaco, dove condusse una brillante e rapida carriera. Mentre in Austria fu considerato eroe nazionale e uno dei massimi condottieri di ogni tempo, in I
Leggi tutta la news...

Niccolò Paganini ambasciatore del pomodoro

Niccolò Paganini ambasciatore del pomodoro

Niccolò Paganini, anche se di nascita umile, fu invogliato proprio dal padre allo studio della musica e del mandolino, dimostrando uno straordinario talento. Grande violinista, compositore, esecutore e direttore d'orchestra, fece vita movimentata e sregolata, morso dalla passione...
Leggi tutta la news...

Bistecche de Chateaubriant (o Chateaubriand)

Bistecche de Chateaubriant (o Chateaubriand)

François-René de Chateaubriand letterato e statista, discendente di una nobile famiglia bretone, è ritenuto tra i padri del romanticismo francese. Definì se stesso borbonico per tradizione, monarchico per convinzione, repubblicano per temperamento.
Chateaubriand ebbe una forte influenza sulla l
Leggi tutta la news...

Nellie Melba ispiratrice fruttuosa

Nellie Melba ispiratrice fruttuosa

Al secolo Helen Portel Mitchell chiamata “l’usignolo australiano”, assunse il nome d'arte di Melba in ricordo della terra natia. Dopo il suo debutto trionfale del 1887, divenne una dei più grandi soprani del mondo, formando una coppia d'eccezione con Enrico Caruso nella Boheme. In suo onore, secondo
Leggi tutta la news...

Hemingway donne e tavola

Hemingway donne e tavola

Hemingway, il celebre scrittore americano, premio Nobel nel 1954, fu un profondo conoscitore e ammiratore dell’Italia. Non faceva mistero delle sue grandi passioni: l’azione, le belle donne, la buona tavola e l'alcool, predilezioni che certamente ebbe modo di sperimentare durante la sua prima perma
Leggi tutta la news...

Bismarck e la sua preparazione

Bismarck e la sua preparazione

Bismarck, il Cancelliere di ferro, dominatore della vita politica europea per quasi trent'anni fino al 1890, era così convinto che la civiltà tedesca fosse di gran lunga superiore alle altre, da considerare come suo dovere quello d'imporla a tutto il mondo.
Grazie a lui la Prussia, da stato sub
Leggi tutta la news...

Edoardo VII e l'amante Rosa

Edoardo VII e l'amante Rosa

Rosa Lewis non era certamente una «lady» eppure il suo nome entra a buon diritto tra quelli dei celebri edoardiani che, con i loro aristocratici cognomi, i loro costumi liberi, la loro raffinatezza ed eleganza, costituivano l'entourage del principe di Galles (Edoardo VII), caratterizzando una stagio
Leggi tutta la news...

57 articoli (2 Pagine, 50 per pagina)


Pagine: [ 1 | 2 ]