NOTIZIE panini e cibo di strada


Categoria: panini e cibo di strada

Storia salsa worcester e panini


Testo a cura di Giuliana Lomazzi

Giornalista specializzata in alimentazione e gastronomia.

Autrice di di varie pubblicazioni

 

La Worchestershire, chiamata per brevità Worcester, salsa liquida e di colore scuro, dal sapore agrodolce e lievemente piccante, è un ingrediente della cucina internazionale. Poco usata in Italia, dove viene impiegata soprattutto per insaporire carni grigliate, conosce molti più utilizzi nei paesi anglosassoni: zuppe, carni in genere, pesce, verdure, insalate come la Caesar, piatti come il chile con carne o bacon and eggs. Viene considerata talvolta “il tocco segreto dello chef”. È indispensabile nei cocktail, Bloody Mary in particolare. E ha una storia abbastanza particolare.
Nel 1835, dopo il rientro in patria, l'ex governatore del Bengala, che aveva assaggiato in India una salsa particolare (probabilmente un condimento fermentato tipo il latino garum), chiese a due farmacisti di Worcester di realizzare un condimento simile. Fornì loro anche una ricetta contenente varie spezie indiane. I due farmacisti, John W. Lea e William H. Perrins, si diedero da fare per ottenere tutti gli ingredienti, prepararono la miscela e l'assaggiarono: imbevibile, troppo forte! Buttare via tutto dispiaceva, misero il barilotto in cantina e lo dimenticarono.
Qualche anno dopo lo riscoprirono per caso, e sempre nell'ottica di non buttare nulla se proprio non fosse inevitabile, riassaggiarono il contenuto. Scoprirono così che dopo una fermentazione di 3 anni, la salsa era gradevolissima. Nel 1838 usciva così la prima bottiglietta con il marchio Lea&Perrins, un marchio che ha fatto davvero la storia della salsa.
La ricetta originaria ovviamente non viene divulgata, ma si sa che contiene: aceto di malto (ricavato da orzo) e aceto di alcol; tamarindo; zucchero e melassa; sale e acciughe spagnole; aglio, cipolle; spezie, tra cui probabilmente chiodo di garofano, peperoncino e pepe; aromi, tra cui salsa di soia.
Per gli inglesi, la Worcester è una sorta di panacea. Aggiunta a strane misture, risolleverebbe dopo una sbornia. Inoltre faciliterebbe la digestione di qualsiasi piatto, permettendo perfino di “guardare la testa di maiale salata mentre si viaggia su una nave con il mare grosso”.

Leggi ricetta

Leggi news salse

Leggi news Inghilterra





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria