NOTIZIE CATEGORIA PANE


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
Pane d'orzo sardo - su stripidi

Pane d'orzo sardo - su stripidi

L’orzo nel mondo antico ebbe grande diffusione e con la farina si preparavano polente e diverse tipologie di pani. Ippocrate, il padre della medicina moderna, era solito nutrirsi, insieme ai suoi allievi, di una polentina a base d’orzo, verdure e formaggio. L’orzo era considerato il cibo per filosofi, adatto sia al pensiero, sia all’esercizio fisico...
Leggi tutta la news...

Storia e proprietà pancarrè

Storia e proprietà pancarrè

Il pancarrè, espressione pseudo-francese (ignota in Francia), indica il pane in cassetta dalla tipica forma quadrata, che generalmente viene tostato prima di essere consumato. Grazie all'impasto (addizionato di materia grassa, di solito strutto, con un tenore in grassi almeno 3 volte superiore a quello del pane...
Leggi tutta la news...

Storia pane re degli alimenti

Storia pane re degli alimenti

"Dacci oggi il nostro pane quotidiano", potrebbe sembrare un abbandono alla provvidenza divina, ma ciò che si implora non è la manna, è il pane. La manna scende dal cielo, il pane si costruisce col lavoro. Tanto lavoro: coltivare la terra, seminare il grano, attendere che cresca, raccoglierlo. Batterlo, per isolare il chicco dalla paglia...
Leggi tutta la news...

Storia della focaccia

Storia della focaccia

Le origini della focaccia sono molto antiche; già fenici, cartaginesi e greci utilizzando farine di orzo, di segale e di miglio ne cuocevano al fuoco ; e dal latino focus deriva l’etimologia di focaccia. Nell’antica Roma le focacce venivano offerte agli dei ed in epoca rinascimentale consumate insieme al vino nei banchetti di nozze...
Leggi tutta la news...

Storia del pane e della panificazione

Storia del pane e della panificazione

Quella del pane è una storia antichissima, lunga più o meno quanto quella dell'umanità. In questa storia un capitolo decisivo l'hanno scritto gli Egizi, gran popolo che secondo lo storico Erodoto (484 - 425 a.C.) «fece ogni cosa in modo diverso dai comuni mortali». Eccellenti agricoltori, in pratica sono stati loro i primi veri panettieri...
Leggi tutta la news...

Storia vol au vent

Storia vol au vent

I vol-au-vent (o vol au vent, che significa letteralmente in francese "volo al vento") sono piccoli canestrini formati da dei dischetti di pasta sfoglia sovrapposti, aperti in alto e vuoti all'interno, che si possono riempire sia con verdure, crema di formaggio o funghi, gamberetti, carne tritata o fegatini, sia con ripieno dolce...
Leggi tutta la news...

Storia pane d'orzo di Dorgali

Storia pane d'orzo di Dorgali

Il primo cereale a convertirsi in pane pare sia stato l’orzo. Gli Etruschi e i Greci erano soliti impiegare il cereale nella preparazione del pane. Arrostivano i chicchi d’orzo per facilitare il distacco della pula. Poi li pestavano tra due pietre e, ottenuta la farina, cominciavano a mescolarla con l’acqua e a farla bollire...
Leggi tutta la news...

Pane frattau

Pane frattau

Il pane frattau, noto talvolta anche con la variante pane vrattau, è un piatto tradizionale della Sardegna, preparato specialmente nella regione della Barbagia… Origine. Il pane frattau, è una pietanza composta da ingredienti semplici quali le uova, il pane carasau, tipico pane sardo...
Leggi tutta la news...

Brioche salata o dolce

Brioche salata o dolce

È il nome francese di una pasta leggera, lievitata, soffice, ottenuta con farina, burro, uova, latte e lievito, e con o senza zucchero, in diverse proporzioni. Così si chiama anche il tipico panino, morbido e leggero, dolce o salato, preparato per lo più con la pasta prima descritta e cotto al forno
Leggi tutta la news...

Tradizione pane bianco o pane scuro

Tradizione pane bianco o pane scuro

Due erano i fattori che determinavano la dieta dell’uomo fino a pochi decenni fa: il ceto sociale e il giorno della settimana. Anche il pane cambiava in base a questi due elementi. Il povero mangiava pane nero, un misto di crusca e altri cereali, mentre il ricco preferiva il pane bianco di puro...
Leggi tutta la news...

Tradizioni del pane nel Mediterraneo

Tradizioni del pane nel Mediterraneo

Tra le molteplici vie che solcano il bacino mediterraneo, delle arti e dei mestieri, delle scienze e delle conoscenze, dei metalli, dei tessuti, delle spezie e degli alimenti, c’è, particolare e unica, quella del pane. Chi voglia conoscere un popolo deve conoscerne il pane, specchio di cultura. Il pane lega uomini di paesi...
Leggi tutta la news...

Pane in pannos

Pane in pannos

“I sardi tengono molto ai piaceri della tavola, banchettano volentieri ma non di rado trasmodano; bevono vini di diversa qualità, cordiali e sorbetti (…)La sporca usanza di far lievitare la pasta mettendola nel letto ancora caldo dove ha dormito la famiglia è assai comune nei villaggi del Meilogu ed in altri luoghi...
Leggi tutta la news...

Pane di Osilo - Su pane ammodigadu

Pane di Osilo - Su pane ammodigadu

Nell’isola di Sardegna, per fortuna, sopravvivono delle oasi felici, ove è possibile comprare e gustare del buon pane. A Osilo si prepara un pane secondo regole di un’antica tradizione logudorese, prodotto con semola di grano duro, pasta madre, acqua di fonte e cotto nel forno a legna...
Leggi tutta la news...

Pane e suoi consumi quotidiani

Pane e suoi consumi quotidiani

Il pane e i cereali rappresentano oggi il 17% circa del totale dei consumi alimentari, il 3,2% della spesa complessiva delle famiglie. Ogni famiglia spende in media circa 28 euro al mese solo per il pane, meno di 1 euro al giorno che diventano 78 euro con riso, farine, biscotti, pasta, altri cereali...
Leggi tutta la news...

Come conservare il pane

Come conservare il pane

Qualche accorgimento per conservare, e quindi riutilizzare, il pane avanzato? Ricordate anzitutto che più è bianco meno si conserva (2 giorni), che quello integrale ha una vita un po' più lunga (3-4 giorni) e quello di segale è ancora più longevo (fino a 6 giorni). E poi: - riponete il pane in sacchetti di carta o di tela mai ermeticamente chiusi (deve poter circolare un po' d'aria)...
Leggi tutta la news...

Storia della pizza

Storia della pizza

Il termine pizza deriverebbe da “pinsa”, participio passato del verbo latino “pinsare”, che significa pestare, schiacciare, il nome verrebbe quindi dalla forma. La voce è attestata prima dell'anno mille, come "pizza de pane", quindi citata da autori cinquecenteschi come una focaccia che accompagnava carni e altre vivande, eventualmente condita...
Leggi tutta la news...

Pane algherese

Pane algherese

Il pane è da sempre stato simbolo della vita umana e in Sardegna si sono conservate per millenni procedure e rituali che erano alla base della cultura mediterranea. Oggi si rischia l’estinzione di questa conoscenza anche a discapito della salute umana. Ad Alghero, città catalana in Sardegna, si preparava un tempo...
Leggi tutta la news...

Pane nero di Castelvetrano

Pane nero di Castelvetrano

La forma è quella di una pagnotta rotonda, che in siciliano si chiama vastedda, la crosta è dura e color caffè (cosparsa di semi di sesamo), la pasta è morbida e giallo grano. Celebre in tutta la Sicilia, il pane di Castelvetrano è diventato negli anni sempre più raro e ha rischiato addirittura di scomparire per la sua particolarità di essere cotto esclusivamente nei forni a legna...
Leggi tutta la news...

Tiròt di Felonica

Tiròt di Felonica

Tiròt in dialetto mantovano è una focaccia tipica, da tempo prodotta a Felonica, l’ultimo comune della bassa mantovana, a un centinaio di chilometri dal delta del Po, al confine tra Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. Il tiròt è un prodotto tanto radicato nel suo territorio che la sganzega, la festa del paese, è interamente dedicata a questa focaccia...
Leggi tutta la news...

Pane tradizionale dell'alta Murgia

Pane tradizionale dell'alta Murgia

Nell'Alta Murgia i forni tradizionali in pietra fanno ancora parte del paesaggio urbano: realizzati nell'Ottocento, hanno tipiche cappe molto alte, pale dai manici lunghissimi, bocche capaci di ospitare anche più di 300 chili di pane. L'ingrediente base di questo pane straordinario è la semola rimacinata di grano duro dell'Alta Murgia barese...
Leggi tutta la news...

Pan di sorc

Pan di sorc

Gemona e le sue terre sono state per secoli il luogo di passaggio obbligato per chi transitava verso l'Europa centrale. Durante la dominazione dell'impero asburgico queste terre non rappresentavano soltanto una delle vie di accesso a Vienna, ma anche una zona dove reperire manodopera per le grandi opere e artigiani e operai specializzati impiegati in larga parte nei cantieri della capitale...
Leggi tutta la news...

Pane senza sale o neutro

Pane senza sale o neutro

Il pane, la cui preparazione nell’antichità divideva i popoli civili da quelli barbari, in ogni tempo si è adeguato alle latitudini e alle disponibilità economiche delle varie comunità. La composizione della farina, l’elemento base, è sempre cambiata da zona a zona: frumento puro e miscelato o sostituito con il miglio, la segale, l’orzo, il mais, le castagne.
Nel cuore del Mediterraneo, là dove ebbe origine l’arte bianca (forse in Egitto, forse in Mesopotamia)...
Leggi tutta la news...

Pane Purile

Pane Purile

A Thiesi, in provincia di Sassari, i suoi abitanti sono chiamati in sardo “tiesino ebreos” - tiesini ebrei, un po’ forse per la loro innata capacità di saper commerciare, un po’ per l’ipotetico insediamento nel paese, nel corso del tempo, di rifugiati di religione ebraica. Nel paese fino agli anni ’70 del secolo scorso,
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Liguria

Pani tradizionali Liguria

Accanto alla focaccia classica genovese questo popolo di navigatori ha sviluppato tutta una cultura del cibo di strada: dalle gallette, alle torte farcite di verdura, alla farinata. Fra i pani, in cui si manifesta l'influenza del confinante Piemonte, la ribalta è occupata anche da cereali come mais, grano saraceno e orzo...
Leggi tutta la news...

Strade del pane in Sardegna

Strade del pane in Sardegna

Il pane è sempre stato per i sardi l’alimento principe. L’antesignano del pane sardo era probabilmente un pane fatto di cereali che venivano raccolti sui campi, allo stato selvatico, abbrustoliti, pestati con un mortaio sino ad essere ridotti in una rustica farina. Questa veniva impastata con acqua, poggiata su una pietra rovente e cotta...
Leggi tutta la news...

Manifesto della pizza AIGS

Manifesto della pizza AIGS

La pizza non è solo un alimento, è da sempre un rito che si rinnova. Si affaccia invitante dalle vetrine dei fornai, nei banconi delle botteghe di campagna come in quelli dei supermercati di città, e troneggia nei negozi storici circondata da un'aura di ammirazione. La si può incontrare nelle feste di paese, e spesso è l'ospite indispensabile per rianimare una festicciola...
Leggi tutta la news...

Pane tradizionale di Lentini

Pane tradizionale di Lentini

Notizie sulla produzione di questo pane si hanno già all’inizio del ‘900. L’impasto fatto dalle donne, la cui ricetta era tramandata da madre in figlia con piccole variazioni, veniva fatto cuocere nei forni comuni, pagando il fornaio con una parte del pane ottenuto. Questo alimento molto serbevole, rappresentava il cibo dei lavoratori...
Leggi tutta la news...

Marocca di Casola

Marocca di Casola

La Lunigiana è una valle ubicata tra il mare di Massa-Carrara e le cime delle Apuane. Fitta di boschi e povera di risorse, era abitata sopratutto da coltivatori a mezzadria. La produzione del frumento era limitata al fondovalle e, nelle aree montane la panificazione si faceva con la farina di castagne, frutti presenti abbondantemente nei boschi locali.
Leggi tutta la news...

Pane di patate della Garfagnana

Pane di patate della Garfagnana

In Garfagnana è ancora viva la tradizione del pane di patate, chiamato “garfagnino”, variante ingentilita di un pane di mistura diffuso un tempo in Europa, specie nelle annate di carestia cerealicola. La ricetta prevede di aggiungere alla farina di grano un 15% di patate lesse e schiacciate, un poco di semola e tritello, sale marino di grana media...
Leggi tutta la news...

Ur-Paarl della Val Venosta

Ur-Paarl della Val Venosta

La sua forma tradizionale è una specie di “otto” schiacciato, ottenuta unendo due pani rotondi e piatti. Per questo si chiama paarl, che significa coppia. Ur-Paarl è la variante più antica del tipico Vinschger Paarl della Val Venosta. La dimensione è variabile: il diametro va dai 10 ai 30 centimetri e lo spessore da 2 a 3 centimetri...
Leggi tutta la news...

Pane di Cristo

Pane di Cristo

Il “Xristopsomo” o “pane di Cristo”, antichissimo pane cretese, di origine minoica, fa, ancora oggi, la parte del leone sulle tavole natalizie della Grecia rurale. La sua confezione è tutta una liturgia: l’impasto, la lievitazione, la cottura in forno seguono un cerimoniale ben preciso, immutato nei millenni, segnato da benedizioni e formule scaramantiche...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Piemonte

Pani tradizionali Piemonte

Cosa mangiavano i Savoia? Sicuramente anche pane, influenzato dall’arte bianca francese, ed identificato con forme affusolate come quella del friabilissimo grissino. Carla Alberto diede il suo nome ad uno pagnotta condita con ingredienti di suo gusto, mentre la Regina Margherita fece eleggere la pizza a un ruolo di piatto nazional popolare...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Veneto

Pani tradizionali Veneto

Secondo Plinio i piccoli pani del Veneto erano figli della pace, la cui amorevole lavorazione sembrava quasi incredibile agli occhi dello storico. Dalla forma di baffi, tartarughe, cornetti, pugni, erano ottenuti da impasti così duri da essere lavorati con i piedi, come testimoniano anche affreschi...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Calabria

Pani tradizionali Calabria

In Calabria ogni figura ha il suo pane “speciale”: ecco allora quello dei pastori, la focaccia dei pescatori, la sterminata varietà delle pitte (viandante, riggitana, ‘mpigliata ecc.), in una girandola di sapori, colori, forme rustiche, e decorazioni rituali. In questa regione non c’è pane senza nome specifico, diventando “di grano” per identificare la prosperità della natura...
Leggi tutta la news...

Pane casareccio di Genzano IGP

Pane casareccio di Genzano IGP

Genzano, dal clima mite e temperato, situato tra la Ciociaria e i Colli Albani, ha una grande tradizione sul pane casereccio lievitato naturalmente e cotto nei forni a legna. La sua arte bianca, trasportata in treno a Roma, rappresentava nel dopoguerra per i cittadini della capitale...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Trentino

Pani tradizionali Trentino

Forse non sarà solo bianca, ma sicuramente è arte: la produzione del Trentino rappresenta un capitolo a parte nella tradizione panificatoria italiana. Siamo nel regno del pane nero, goloso ricettacolo da modellare in forme imprevedibili e suggestive - Bechi-panzalini : presente in tutto il territorio della provincia di Trento. Pane di forma allungata a barchetta...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Basilicata

Pani tradizionali Basilicata

Così scrivevano stupefatti i regi ispettori all'indomani dell'unità d'Italia: "A San Severino Lucano il contadino si ciba in genere di solo pane e di minestra di legumi... Al mattino si rompe il digiuno con pane, uova e peperoni; a mezzogiorno si mangia minestra o maccheroni carichi di peperoni...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Friuli Venezia Giulia

Pani tradizionali Friuli Venezia Giulia

Fino alla metà degli anni '50 si potevano ancora osservare sul ciglio delle strade di campagna con dieci chili di pane sulla testa, o nei mercati triestini accanto ai loro banchetti, le “pancogole” (dal latino: panis coculae), donne che producevano e vendevano autonomamente il pane. Il loro mito...
Leggi tutta la news...

Pani tradizionali Abruzzo e Molise

Pani tradizionali Abruzzo e Molise

Più che un cibo quotidiano, un autentico miraggio. Era questo il valore del pane nelle regioni più montuose del centro Italia, perennemente ricattate dall'insufficinza dei raccolti cerealicoli. L'arte bianca fece di necessità virtù, panificando i più svariati tipi di farine autoctone, oltre a mais,
Leggi tutta la news...

39 articoli (1 pagina, 50 per pagina)


Pagine: