NOTIZIE orto - frutti


Categoria: orto - frutti

Storia e proprietÓ bacche di goji


Le Bacche di Goji sono i frutti di un arbusto sempreverde (Lycium Barbarum L.) che cresce verticalmente, anche fino ai 3 metri di altezza, e che fa parte della famiglia delle Solanaceae (come patata, pomodoro, melanzana).
Lycium deriva dalla Licia, regione dell'Anatolia meridionale. Il frutto è conosciuto nella medicina tradizionale cinese come Frutto di Licia.

La parola Goji è un'approssimazione della pronuncia cinese "gǒuqǐ" termine dal significato di “bacca”, il nome goji sarebbe stato creato nel 1973 dall'etnobotanico nordamericano Bradley Dobos.

Queste bacche rosse, apprezzate per le loro qualità terapeutiche e nutritive, vengono coltivate da migliaia di anni nelle valli himalayane, nella Mongolia, nel Tibet, nelle province della Cina dello Xinjiang, dello Ningxia, e nella regione autonoma della Mongolia Interna.
Il frutto si presenta come una bacca rossa leggermente allungata e contenente diversi semini appiattiti.
La medicina tradizionale cinese attribuisce alle bacche di goji, nonché alla corteccia, alle radici e alle foglie della stessa pianta, numerose proprietà curative e preventive.
Già nell'antico manuale di erboristeria Shennong Ben Cao Jing la pianta viene citata come curativa per una serie di mali e anche efficace per fortificare muscoli e ossa e rallentare l'invecchiamento.
Le bacche di goji si possono consumare fresche, appena raccolte, oppure essiccate o in concentrato miscelato con altri prodotti quali succhi di frutta, yogurt, tè, merendine, marmellate.
Ricche di vitamine, sali minerali e aminoacidi, rappresentano un notevole energizzante naturale. Il sapore di questi piccoli frutti rossi è paragonabile a quello di mirtillo, uva passa, lampone e fragola. Dolci al palato, si contraddistinguono per un particolare retrogusto dolce-amaro.

Leggi 7 alimenti energetici





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria