NOTIZIE nutrizione e dietetica


Categoria: nutrizione e dietetica

ProprietÓ e storia mandorla


Testo di Carmela Patania Carmela PataniaErborista tradizionale, ricercatrice indipendente della cultura erboristica mediterranea. Socio fondatore dell'Associazione Erboristi Mediterranei. Tutor didattico presso scuole e associazioni private.

 

La mandorla è un seme oleaginoso ricco di nutrienti dal quale si estrae l' olio per spremitura a freddo. Esso è costituito da oleina, emulsina, proteine, glucosidi, minerali ( tr. Calcio, Fosforo, Potassio, Zolfo e Magnesio), vitamine A, B1, B2, B6 ed E. Inoltre, è ricco in acidi grassi monoinsaturi e in poliinsaturi (-) specialmente presenti nella mandorla secca. Grazie al suo fitocomplesso, il seme esplica nell' organismo varie attività tra le quali spiccano l' azione energizzante, riequilibrante per il sistema nervoso, rimineralizzante e ricostituente. Quindi introdurre da 6-15 mandorle al giorno (dipende dai soggetti ) è utile specialmente per gli sportivi e per chi è astenico. Ma ciò che conosciamo oggi, era già saputo in passato, ad esempio fu inserito nel Capitulare de Villis di Carlo Magno per le sue proprietà riequilibranti e molto nutrienti. Le mandorle verdi era uso mangiarle all' inizio della primavera essendo appetitose ma erano anche consigliate alle gestanti per eliminare la nausea; quelle secche sono difficili da digerire e portano mal di testa.

Ildegarda di Bingen dal " Libro delle creature": "Chi ha cervello vuoto, un brutto colorito in viso e per questo ha male alla testa: la mandorla riempie il cervello e conferisce un bel colorito. Chi si ammala al polmone e ha il fegato indebolito mangi spesso, crudi o cotti: danno forza al polmne e non lo soffocano, non lo rendono secco ma forte".

Un esperimento condotto da Julius J. Kleeberg, capo del dipartimento di ricerca dell' ospedale municipale Rothschild di Haifa, ha rivelato l'efficacia della mandorla dolce nella cura delle ulcere gastriche (Marzo 27, 1969). Egli notò che i grandi fumatori arabi del Medio Oriente, masticavano mandorle in continuazione per alleviare i dolori gastrici. Infatti l' olio delle mandorle, liberato dal succo gastrico, depone una pellicola protettiva sulla parete dello stomaco, mentre le loro proteine formano con l' acido cloridrico dello stomaco un tampone naturale. Altri due prodotti contenuti nelle mandorle permettono l' uno di ridurre l' esagerata produzione di pepsina dello stomaco malato, l' altro di accrescere l' attività del tubo digerente. Poichè il tenore di glucidi nella mandorla dolce non eccede il 20%, la cura può essere prescitta ai diabetici e agli obesi. Con il trattamento si ottiene un sollievo rapido sia del bruciore che dei dolori epigastrici.

Gli Arabi furono i primi a scoprire il segreto della lavorazione delle mandorle tritate con albume d'uovo e miele. Le specialità dolciarie a base di mandorle che attestano l' influenza di questa cultura in Sicilia sono la pasta reale , il torrone e il latte di mandorle (orzata). L'orzata è una bevanda rinfrescante analcolica di origine vegetale molto antica, si pensi che la bevevano gli antichi Egizi. Oggi è molto diffusa soprattutto in Spagna e nei Paesi Latino-Americani. Il nome deriva da una voce Latina hordeata, "fatta con orzo" ma con il passare dei secoli, l'orzo è stato sostituito da altri ingredienti vegetali, in questo caso dalla mandorla.

Il latte di mandorle è indicato contro gli spasmi e l’infiammazione dello stomaco, dell’intestino, delle vie urinarie, contro le palpitazioni e le tossi spasmodiche; inoltre è raccomandato ai convalescenti e bambini. E’ anche un’ottima bevanda rinfrescante e tonificante nelle calde giornate d’estate. Dai semi del mandorlo si ottiene anche una farina e un olio utile come detergente cutaneo e ammorbidente della pelle delle mani:

USO ESTERNO: utile per tutti i tipi di pelle, molto lubrificante ma poco penetrante per questo è un ottimo olio da massaggio. Contribuisce a diminuire il prurito, la secchezza, il dolore e l' infiammazione. Particolarmente utile per pelli secche, irritate e in presenza di eczema.

USO INTERNO:lassativo per il neonato (attenzione alla qualità dell' olio!!!); con aggiunta di tanto zucchero, per chi ha ingoiato una spina per calmare il dolore ed evitare eventuali ulcerazioni.

Leggi ricetta orzata

Leggi news storia mandorla





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria