NOTIZIE nutrizione e dietetica


Categoria: nutrizione e dietetica

Colesterolo e rimedi fitoterapici


Testo di Mario Marani farmacista e dottore magistrale in scienza della nutrizione umana presso l'Universita' San Raffaele in Roma. Esperto in nutraceutica e ambasciatore dell'Accademia Italiana di Gastronomia

 

Il colesterolo è un grasso presente in tutte le cellule dell’organismo: è un grasso necessario per la produzione della vitamina D ed è un costituente di vari tessuti.

I problemi però insorgono quando il colesterolo risulta in eccesso questo perché tende ad accumularsi sulle pareti delle arterie e nel corso del tempo può portare alla formazione di una placca che restringe l’arteria e riduce il flusso di sangue causando “aterosclerosi”.

Se la placca si infiamma o si rompe, si forma un coagulo (trombo) che impedisce l’afflusso di sangue al cuore e si possono sviluppare dunque ictus e infarti.

Occorre sapere che esistono 2 tipi di colesterolo: LDL, il “colesterolo cattivo”, contenuto nelle lipoproteine a bassa densità (LDL) che lo trasportano ai vari tessuti, favorendone l’accumulo sulla parete interna delle arterie; e HDL, il “colesterolo buono”, una sorta di “spazzino” dei vasi sanguigni con azione protettiva per le arterie, che vengono ripulite dal colesterolo in eccesso.

La natura offre una serie di piante che aiutano a mantenere il colesterolo nei livelli salutari. Questi rimedi possono essere utilizzati se i livelli di colesterolo nel sangue non sono troppo elevati, o si presenta solamente un'alterazione leggera, in caso di vera e propria patologia occorre ricorrere ai farmaci.

Il fitoterapeuta potrebbe consigliare al paziente un prodotto combinato: per esempio tarassaco, carciofo, olivo e policosanoli potrebbero costituire un primo prodotto, mentre nel secondo si potrebbero inserire droghe come olio di pesce e vitamina E, impreziosite con oli essenziali di limone.

In questo modo, l'azione sarà duplice, perché la diminuzione dell'assorbimento dei lipidi sarà unita all'indebolimento della sintesi endogena dei grassi.

Tra tutti l'olivo è quello più indicato; l'Olivo (Olea Europeae) sotto forma di estratto dalle sue foglie è ricco di flavonoidi. L'olivo conferisce una buona azione diuretica, ipocolesterolemizzante e modifica la capacità dell'organismo di assimilare le sostanze lipidiche.

Leggi news fitoterapia in cucina





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria