NOTIZIE gusto e analisi sensoriale


Categoria: gusto e analisi sensoriale

Arancia gusto e analisi sensoriale


Tutti gli agrumi vivono una doppia vita, dato che il sapore del loro succo è molto diverso da quello della scorza.
Nella produzione di succhi e altri alimenti a base di arancia, quando il liquido è spremuto dal frutto maturo la scorza viene pressata separatamente per estrarre l'olio aromatico.
Un altro olio, che ha sapore ancora diverso, viene distillato come prodotto secondario quando il succo è concentrato. Gli oli sono usati per bibite o miscelati al succo di arancia per migliorarne il sapore senza ricorrere ad additivi di sintesi. Il succo estratto dal frutto fresco si deteriora rapidamente, quindi è sempre meglio spremerlo al momento.
Di tutti gli agrumi l'arancia è la più popolare, e qui il termine viene usato per accogliere anche mandarini, arancia amara e sanguinella, oltre ovviamente all'arancia per eccellenza.
La sua gamma di sapori assicura l'elevata compatibilità con altri sapori. L'arancia dolce è la più fruttata di tutti gli agrumi e presenta accenni di mango e ananas tra gli strati di sentori citrini, insieme con vaghi accenti di spezie ed erba.
I mandarini condividono con l'arancia le piacevoli note dolci e agre, ma la scorza è più erbacea. Le sanguinella aggiungono alla dolcezza anche sentori di frutti di bosco, in particolare lampone.
La scorza delle arance amare ha un sapore più intenso, ceroso, con accenni di lavanda. Con l'aggiunta di molto zucchero, le note più acute di amaro e aspro sono quelle che rendono la marmellata di agrumi così ricca di sapori e interessante.
Le arance amare si usano in molti liquori, mentre l'acqua di fiori d'arancio si prepara dalle infiorescenze.

Leggi news storia arancia





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria