NOTIZIE gusto e analisi sensoriale


Categoria: gusto e analisi sensoriale

Aglio gusto e analisi sensoriale


Aggiungere una piccola quantità di aglio a carne, frutti di mare, verdure e persino tartufi è come tracciare una linea intorno al loro sapore: tutti vengono esaltati, ottengono una definizione più acuta, e al contempo lui cede una parte delle sue qualità aromatiche.
Per un sapore delicato, mettete in infusione in olio extravergine d'oliva tiepido uno spicchio intero; se amate le note più intense, usatelo crudo, schiacciato.
Di aglio esistono diverse varietà, ognuna con note aromatiche caratteristiche. Provate a compararle preparando pane all'aglio con una serie di spicchi diversi, cercando di riconoscere le note piccanti, dolci, di terra, metalliche, fruttate, di noce, gommose e floreali (giglio, ovvero liliacee).
Potete acquistarlo in polvere, a scaglie, in pasta o in un sale aromatico, già tritato, in vasetto, anche se crediamo che nessuno abbia le note particolari dell'aglio fresco, volatili.
L'impiego principale è per enfatizzare il sapore dei piatti salati, ma rappresenta un eccellente sapore primario se abbinato a uno sfondo dolce o poco saporito, come pane, pasta o riso, nel caso di un risotto all'aglio tostato.

Leggi news storia aglio in cucina





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria