NOTIZIE gusto e analisi sensoriale


Categoria: gusto e analisi sensoriale

Paradossi del disgusto alimentare


Ripercorrendo la storia dell'uomo e analizzando dove il cibo è protagonista, vediamo come questo abbia influenzato moltissimo le sue scelte. Se dovessimo rispondere alla domanda "Perché gli indiani non mangiano carne di mucca?", la risposta più ovvia sarebbe "La religione indiana ne vieta il consumo poiché la mucca è un animale sacro". Ma a questo punto dobbiamo fare un passo indietro e chiederci "Perché la mucca è sacra per questa religione?". Scopriremmo che gli indiani non mangiano la carne di mucca perché nel corso dei secoli hanno capito che per loro non era conveniente mangiarla, anzi portava più benefici mantenere la mucca in vita per consumare il suo latte, per preparare prodotti caseari, usare il letame per concimare la terra e così via ... 

Ci sono due paradossi che interessano l'alimentazione umana: se facessimo un elenco di tutti i "cibi proibiti" sul nostro pianeta, se provassimo cioè a sommare tutte le proibizioni alimentari, a partire da quelle di natura religiosa per finire a quelle legate al gusto o all'ambiente naturale, scopriremmo che l'umanità, con quel che resta, morirebbe di fame nel giro di una generazione. 

Se allo stesso modo noi sommassimo tutto ciò che, nella storia, l'uomo ha chiamato cibo nutrendosene diremmo che l'intero mondo è commestibile. Non possiamo dimenticare l'esistenza di pratiche come la geofagia (mangiare la terra), la coprofagia (mangiare gli escrementi) fino ad arrivare al cannibalismo (l'uomo che mangia i suoi simili). 

Le risorse alimentari sarebbero quindi, per il momento, e per molto tempo ancora, illimitate se gli uomini non opponessero tabù diversi e persistenti, quasi sempre di natura culturale. 

Ogni cultura, infatti, più o meno deliberatamente, ha elaborato un catalogo alimentare che si tramanda di generazione in generazione e che si modifica nel tempo con grandi difficoltà e molto lentamente. 

Questo catalogo alimentare costituisce di fatto l'identità soggettiva di una cultura e spesso viene vissuto da chi vi è estraneo come uno stereotipo. Per esempio in Sud America si mangiano solo fagioli, gli indiani non mangiano la carne di mucca, gli inglesi vietano la carne di cavallo e i cinesi mangiano qualunque cosa, gatti e cani compresi! 

Per quanto stereotipate, molte credenze contengono elementi di verità e derivano dal fatto che il catalogo alimentare di ogni zona, cultura, popolazione, famiglia non è altro che il risultato di un adattamento dell'uomo all'ambiente.

Leggi news Darwin disgusto alimentare e insetti

Leggi news gusti e disgusti e analisi sensoriale





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria