NOTIZIE CATEGORIA DOLCI


Categoria RSS 2.0 | RSS 1.0  
Storia torta nuziale

Storia torta nuziale

Nei matrimoni delle civiltà antiche mediterranee, quale simbolo di prosperità si gettavano addosso alla sposa dei chicchi di frumento. Intorno al cento a.C. i fornai Romani arricchirono questa consuetudine, utilizzando il frumento nuziale per cuocere dolcetti di miele e frutta. Secondo Lucrezio (poeta e filosofo romano), si diffuse la consuetudine del “confarreatio”...
Leggi tutta la news...

Storia dei pasticcini

Storia dei pasticcini

Usare il termine pasticcini o piccola pasticceria per parlare delle primissime preparazioni dolci è sicuramente azzardato: si trattava in realtà di impasti di pane, addolciti con miele, che nel Medioevo prendevano nomi diversi e si presentavano come piccoli dolci cotti in stampi o su placche di metallo. Nei conventi, dove gli ingredienti adatti in genere non mancavano...
Leggi tutta la news...

Storia della torta mimosa

Storia della torta mimosa

Il dolce omonimo pare sia stato creato a Roma negli anni Cinquanta con l'intento di celebrare la festa ricordando la forma e il colore della mimosa (che, ricordiamolo, non è commestibile). L'idea è semplice ma geniale: pezzetti di pan di Spagna disposti tutto intorno alla torta per ricordare appunto la mimosa...
Leggi tutta la news...

Storia bacio al cioccolato

Storia bacio al cioccolato

Perugia è nota nel mondo per un piccolo capolavoro di pasticceria, il Bacio, cioccolatino fondente con ripieno di gianduia e nocciole. Il merito della sua invenzione va a Francesco Buitoni e alla moglie Luisa Spagnoli, eredi delle famiglie d’imprenditori che nel 1907 diedero vita alla “Perugina”. A Luisa, affermata stilista di moda...
Leggi tutta la news...

Storia dolci della befana europei

Storia dolci della befana europei

Nel periodo della befana i miei ricordi sono ricchi di sapori e profumi... alimentari! Ricordo un anno che mi trovavo a Bellinzona, all'ombra dei castelli e della muraglia, severi e grandiosi siti UNESCO, individuai una pasticceria sotto i portici di un'elegante via cittadina...
Leggi tutta la news...

Storia parrozzo

Storia parrozzo

Questo è il dolce più caratteristico dell'Abruzzo, nato come dolce natalizio negli anni Venti per iniziativa del pescarese Luigi D’Amico che s’ispirò all’antico pane delle mense contadine, a crosta scura, cotto nel forno a legna e a pasta gialla, per l’impiego della meno pregiata farina di mais. Scegliendo uno stampo a cupola che ricorda le tradizionali pagnotte venne realizzato il dolce...
Leggi tutta la news...

Storia cassate o cassatelle pasquali ragusane

Storia cassate o cassatelle pasquali ragusane

Nel caso delle Cassate pasquali, una mia teoria, mi spinge a pensare che forse questo dolcetto a forma circolare ha in aggiunta i «pizzidi» (spuntoni di pasta che servono a chiudere la tartelletta) quasi a rappresentare dei raggi di un Sole simbolico...
Leggi tutta la news...

Storia bombolone o krapfen

Storia bombolone o krapfen

Il krapfen sembra fosse già conosciuto nel '600 a Graz, dove per carnevale veniva venduto caldo per strada. Dalla cittadina della Stiria si sarebbe diffuso a Vienna, per poi affermarsi anche nelle aree trentine. Questa golosa frittelle conquistò l'Italia con varianti apparentemente poco dissimili l'una dall'altra...
Leggi tutta la news...

Tronchetto di Natale

Tronchetto di Natale

Il tronchetto di Natale o ciocco natalizio è un dolce di pasta genovese a forma di tronco ricoperto solitamente di cioccolato o crema di caffè e glassa e riempito solitamente di marmellata o cioccolata, diffuso principalmente in Francia e nel nord ovest dell'Italia, ricorda la tradizione del ceppo di Natale...
Leggi tutta la news...

Storia tiramisù - dal Tacuinum de' dolci

Storia tiramisù - dal Tacuinum de' dolci

L'esperto enogastronomo Giuseppe Maffioli, in "Vin Veneto: rivista trimestrale di vino, grappa, gastronomia e varia umanità del Veneto" del 1981, storicizza la preparazione del dolce verso la fine degli anni Sessanta, localizzandolo presso il ristorante "Alle Beccherie" di Treviso, gestito dalla famiglia Campeol...
Leggi tutta la news...

Storia sebadas o seadas

Storia sebadas o seadas

Il dolce, chiamato nelle diverse varianti linguistiche dell’isola: seada, sebada, seatta, sevada, sabada, casgiulata, ha un nome che pare derivi dalla parola latina sebum, ed è così chiamata per il suo aspetto untuoso, o anche perché in sardo si chiama seu il grasso animale, ozu seu. E’ un dolce diffuso in tutto il territorio regionale e principalmente dove prevale l’economia pastorale...
Leggi tutta la news...

Storia delle caramelle

Storia delle caramelle

La parola “caramella è uno squisito dono che il Piemonte ha fatto alla lingua italiana, se avesse prevalso il toscano, oggi diremmo “pasticca” (da pasticceria). Il termine caramella ha origine dal portoghese “calamellu”, che rimanda alla zucchero di canna (latino “calamus”) e alle colonie d’oltremare...
Leggi tutta la news...

Bonet piemontese

Bonet piemontese

E' un budino appartenente all'antica tradizione piemontese, oggi preparato sull’intero territorio regionale, la cui origine si fa risalire alla zona delle Langhe. Due le ipotesi legate alla radice del nome. La prima prende spunto da forma e colore del dolce, che richiamerebbero il “bonnet” un berretto simile al basco, molto comune nel passato...
Leggi tutta la news...

Storia della torta sacher

Storia della torta sacher

E' la torta al cioccolato tra le più conosciute e apprezzate al mondo, presente nella cultura gastronomica del Friuli e del Trentino per le influenze austroungarica nell'area. La sua nascita viennese è datata 1832. L'inventore fu Franz Sacher sedicenne apprendista cuoco alla corte del Principe Metternich...
Leggi tutta la news...

Storia della pasticceria

Storia della pasticceria

La storia “dolce” che vogliamo raccontarvi è strettamente legata alla cultura e alle emozioni che la nostra cucina ha saputo creare. In una società povera e frugale come quella antica, le prime elaborazioni dolci, nate arricchendo il pane, furono per molto tempo riservate esclusivamente alle grandi solennità...
Leggi tutta la news...

Brutti-buoni

Brutti-buoni

Il nome indica l'impasto grossolano e l'aspetto irregolare e ruvido che accompagna il sapore delicato di questi dolcetti tipici dell'area di nord ovest. La ricetta prevede l'impiego di molti albumi d'uovo, che sono il segreto della leggerezza del prodotto, e inoltre zucchero, nocciole, mandorle e vanillina...
Leggi tutta la news...

Bavarese dolce o bevanda

Bavarese dolce o bevanda

Il nome maschile identifica un dolce importante di consistenza leggera e delicata simile a quella di un budino. Oggi in Italia si usa spessa considerare il nome al femminile, ma ciò può generare confusione. La bavarese è infatti una bevanda con parecchie varianti, di solito calda, a base di tè..
Leggi tutta la news...

Torta margherita storia

Torta margherita storia

E' una tradizionale torta delle feste preparata nel nord e centro Italia. Deve probabilmente il suo nome alla forma di margherita che assume quando viene tagliata a spicchi. Ogni fetta del dolce rappresenta un petalo per lo zucchero a velo spolverato in superficie e la colorazione gialla interna.
Questa è una torta contadina che in origine veniva fatta con pochi ingredienti: farina, fecola, zucchero e uova...
Leggi tutta la news...

Ciambellone

Ciambellone

Questo è una preparazione a forma rotonda con il buco in centro fatto con pasta ben lievitata. Gli ingredienti di base sono farina, uova, latte, zucchero, olio d'oliva, lievito e liquore, con l’eventuale sostituzione dell'olio con il burro. Presso la società contadina era il “dolce delle folle”, indispensabile presenza nei principali appuntamenti della vita comunitaria: battesimi, cresime, matrimoni, feste familiari...
Leggi tutta la news...

Baci di dama

Baci di dama

«Dammi cento baci, mille baci e ancora cento baci, e altri mille baci e ancora cento…», chiedeva il poeta latino Catullo alla sua Clodia, nel I sec. a.C. Da quei tempi, sotto il cielo degli innamorati, nulla di nuovo. Oggi, come allora, unire le proprie labbra a quelle dell’altro è il primo, soave momento della verità...
Leggi tutta la news...

Storia dei gianduiotti

Storia dei gianduiotti

Il celebre gianduiotto è un cioccolatino a forma di spicchio o barchetta rovesciata, ottenuto impastando cacao, zucchero e le famose nocciole tonde gentili del Piemonte. Il cioccolato Gianduia nacque casualmente all'inizio dell'Ottocento, come espediente fortuito fatto dai cioccolatieri torinesi...
Leggi tutta la news...

Cioccolatini figli della cioccolata

Cioccolatini figli della cioccolata

Per molto tempo, dopo il suo arrivo dall’America, il cacao è stato un alimento d’élite assunto principalmente come bevanda, la cioccolata, o utilizzato quale ingrediente delle ricette più varie. La sua diffusione fra tutti gli strati sociali risultò strettamente legata alla “forma”, e il passaggio da liquido a solido favorì l’aumento del suo consumo...
Leggi tutta la news...

Dolci regionali italiani

Dolci regionali italiani

La tradizione della pasticceria italiana è una realtà determinata da una complessa combinazione di fattori ambientali e storici: da Nord a Sud alle isole, dal mare alla montagna, dall'antica Grecia al Medioevo fino alla società globale. E' appassionante interpretare il territorio in chiave dolciaria, considerate le particolari valenze che entrano in gioco...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Lazio

Dolci tradizionali Lazio

I dessert d’antica memoria sono ormai introvabili nella capitale, che come tutte le città cosmopolite, vede il prevalere della pasticceria “generalista” e delle specialità d’importazione, come la Zuppa Inglese e i classici dolci d’impronta francese e austriaca, dai profiteroles alla Sacher. Resistono qua e la i dolci capitolini per antonomasia, dai Maritozzi alla Crostata...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Emilia Romagna

Dolci tradizionali Emilia Romagna

L'elemento distintivo della pasticceria di quest'area trova riscontro nella demarcazione storica tra l'Emilia e la Romagna: la prima, terra di insediamenti longobardi e poi di stati autonomi, in contatto con le potenze europee; la seconda, passata dai Bizantini allo Stato della Chiesa nel permanere della tradizione latina...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Piemonte

Dolci tradizionali Piemonte

Torino è il cuore dolce del Piemonte. Della ex capitale sabauda resta la straordinaria pasticceria che riflette i secolari contatti con le case regnanti di Francia e Spagna. Pasticcini d'ogni sorta, praline di cioccolato, pastiglie di zucchero, violette candite. Le varie città della regione offrono un turbinio di amaretti, canestrelli e baci di dama...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Trentino Alto Adige

Dolci tradizionali Trentino Alto Adige

Decisivo anche il fattore storico, perché pur avendo condiviso a lungo il dominio asburgico, le due province ne hanno assorbito diversamente la cultura. Da Bolzano a Bressanone sono di casa i dolci viennesi: torta sacher, krapfen, e kaiserschmarren (crespelle dolci). A Trento e Rovereto, assieme allo strudel e allo zelten, si trovano la pinza de lat e la torta di fregolotti...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Friuli Venezia Giulia

Dolci tradizionali Friuli Venezia Giulia

E' una regione per più motivi composita. Si comincia dai vari elementi geografici: pianure, montagne e colline, senza dimenticare il mare. Si continua con le influenze culturali provenienti dal Levante, dalla dominazione asburgica a da quella austroungarica, che fece di Trieste il proprio principale sbocco sul Mediterraneo...
Leggi tutta la news...

Grano cotto

Grano cotto

E’ il dolce che si prepara per la ricorrenza dei Morti e porta con sé arcaiche simbologie legate al tema della rinascita e della fertilità. Questa ricetta lucana può essere interpretata anche in una chiave storico-etnografica, distinta in una matrice latina riferita al grano...
Leggi tutta la news...

Storia biscotti krumiri

Storia biscotti krumiri

Tipici biscotti di Casale Monferrato in provincia di Alessandria a forma striata e curva, il cui nome fu associato ad inizio novecento alle schiene ripiegate, le teste abbassate ed il passo strisciante di coloro che per vigliaccheria non parteciparono agli scioperi operai di inizio secolo in Francia nel 1901 a Marsiglia...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Toscana

Dolci tradizionali Toscana

Nella cucina Toscana si trova il riflesso di due momenti magici: il Medioevo delle grandi individualità commerciali comunali, e la signoria de' Medici dei forti interscambi con le corti europee. Nei dolci la prima epoca è testimoniata per esempio da Panforte, Ricciarelli e Cavallucci fatti di miele, frutta secca, e spezie. Del secondo periodo è rimasta l’eredità...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Lombardia

Dolci tradizionali Lombardia

Milano è la città del panettone, Pavia della colomba, Mantova della sbrisolona, Cremona della mostarda e del torrone. In Lombardia l’arte bianca spazia dalla montagna alla pianura con grandi varietà d’accenti. In Valtellina resiste il grano saraceno, nell’alto bergamasco e nel bresciano prevale la farina di mais...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Valle d'Aosta

Dolci tradizionali Valle d'Aosta

Le materie prime dei dolci della Valle d’Aosta sono quelle di montagna: latte e panna, castagne e miele, mele Renette e pere Martin Sec, con l’aggiunta di mandorle e spezie, cioccolato e caffè, transitate dal Mar Mediterraneo all’Europa d’oltralpe. Una specialità tipica della regione sono le Tegole d'Aosta, dolcetti dalla forma ondulata come le tegole di terracotta dei tetti delle baite...
Leggi tutta la news...

Monte bianco o mont blanc

Monte bianco o mont blanc

Il dolce s'identifica con la stagione dell'autunno, periodo delle castagne, e rappresenta le influenze culturali dell'area di confine alla quale si ispira: il Monte Bianco. In Valle d'Aosta è conosciuto come montblanc, in Piemonte e Lombardia si chiama monte bianco. Viene fatto con una purea di castagne ricoperta di panna montata, distribuita a montagnola, per rappresentare una miniatura golosa del tetto delle Alpi...
Leggi tutta la news...

Torta di San Basilio

Torta di San Basilio

San Basilio vescovo, uno dei grandi ierarchi della Chiesa ortodossa, è l’omologo greco del nostro Babbo Natale. Il primo gennaio, giorno della sua morte, in Grecia si usa scambiarsi doni, mentre le massaie preparano un dolce in suo nome, la “vassilopita” o “torta di San Basilio”...
Leggi tutta la news...

Storia del Presnitz

Storia del Presnitz

Questo dolce ripieno arrotolato, di probabili origini viennesi, ricorda nella forma lo strudel o la gubana pur essendo più raffinato. Diverse sono le varianti trentine e friulane che si differenziano sopratutto per la pasta (frolla o sfoglia) dell'involucro esterno. Due le ipotesi sull'origine del nome: una lo ricollegherebbe alla città boema di Pressnitz...
Leggi tutta la news...

Il gattò sardo è dolce

Il gattò sardo è dolce

Lo scrittore Alexandre Dumas nel suo “Il Grande dizionario di cucina”, alla voce gateau, scrive: “E’ quasi sempre di forma rotonda, preparato con farina, uova, burro; lo si prepara anche con il riso. Il nome deriva senz’altro dall’abitudine di viziare (gater significa viziare) i bambini distribuendo loro dolci come ricompensa o incoraggiamento gastronomico”...
Leggi tutta la news...

Dolci pasquali dei Monti Lepini

Dolci pasquali dei Monti Lepini

Il cavalluccio e la bambola. Erano queste le due forme con cui, in occasione della Pasqua, le mamme dei Monti Lepini, in provincia di Latina, usavano in passato preparare un tipo di ciambella per i figli più piccoli. Il cavalluccio per i maschietti, la bambola per le femminucce. Poi, questa usanza, con l’arrivo delle colombe e di altri dolci industriali, è scomparsa (resiste solo a Cori)...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Sicilia

Dolci tradizionali Sicilia

La Sicilia crocevia del Mediterraneo è la regione che più ha trattenuto e rielaborato i segni dei popoli che ne hanno fatto la storia. Dal punto di vista gastronomico questo vale soprattutto per gli Arabi e gli Spagnoli in considerazione del loro apporto culturale...
Leggi tutta la news...

Dolci tradizionali Sardegna

Dolci tradizionali Sardegna

I dolci sardi sono essenzialmente confezionati, farina e uova a parte, su una terna di ingredienti: la ricotta, specie quella di pecora; le mandorle, di produzione diffusa e pregiata; il miele, in una varietà di essenze che vanno dalla macchia mediterranea ai boschi del Gennargentu...
Leggi tutta la news...

Ciambelle delle fate

Ciambelle delle fate

Nelle fiabe l'offerta di una ciambella serve agli umani per ingraziarsi Fata Fortuna e Signora Sorte. L’esempio che vogliamo citarvi lo prendiamo da una delle numerose edizioni della novella Sfortuna. Qui si narra che una donna caduta in disgrazia usa il ricavato delle sue misere occupazioni...
Leggi tutta la news...

41 articoli (1 pagina, 50 per pagina)


Pagine: