Professione food blogger

Categoria: comunicazione marketing

Testo di Giorgio Orizio -  Sous chef cuoco e gastronomo "itinerante". Laureato in Economia, promozione e gestione del Turismo. Appassionato di Storia e Cultura gastronomica

 

La nuova evoluzione in chiave sistemica dell'offerta enogastronomica impone una organizzazione innovativa e tecnologica, alti livelli di formazione professionale e nuove competenze specifiche che vengono richieste al moderno tecnologo della ristorazione.

Nel panorama moderno Wine manager è sinonimo di organizzazione e gestione delle numerose etichette vitivinicole utili  alla formulazione composita di una carte dei vini che si rispetti affiancando il Sommelier nella predisposizione della cantina e la gestione oculata delle scorte.

Il Revenue Manager controlla in modo continuo ed ossessivo i costi ed i ricavi per adattarli alle previsioni di budget imposte dalla complessità della gestione economico/finanziaria moderna, attuando metodiche di pricing diversificate in base al servizio proposto e condizionando la selezione delle materie prime e la proposta enogastronomica in menù.

Il Food Blogger è colui che affiancando le tradizionali azioni di marketing dei servizi, concorre a promuovere nuove tendenze e nuove esperienze sensoriali utilizzando i social media in chiave proattiva, sviluppa proposte e nuove mode alimentari esplicando sensazioni virtuali ed abbinamenti originali ed innovativi.

Il Blogger moderno ha a disposizione strumenti mediatici di impatto su un target variegato di possibili fruitori del servizio offerto, basato su contenuti più o meno complessi e professionali, in un contesto di libera informazione, ognuno può creare un proprio blog o appoggiarsi ad organizzazioni specializzate trasformando la propria passione in una vera professione creativa ed appagante con l'aumentare della visibilità mediatica, cresce il contributo per i banner inseriti nelle pagine dei blog e si diventa imprenditore dei nuovi trend del gusto mantenendo la propria libera informazione senza censura alcuna.

L'evoluzione mediatica permette sia al consumatore curioso che al professionista esperto di trovare nuovi spunti e nuove idee per la pratica gastronomica quotidiana grazie anche alla interconnessione del food blogger, con il quale si può interagire in modo virtuale, aprendo un canale di confronto attivo.