NOTIZIE comunicazione marketing


Categoria: comunicazione marketing

L'alimentazione social Ť contagiosa


Testo di Federica Suraci. Studentessa corso laurea in Scienze dell'alimentazione e gastronomia presso Università San Raffaele Roma - Facoltà di Agraria.

I tempi stanno cambiando e di conseguenza cambia anche il nostro modo di vedere, osservare e degustare il cibo. Il web e sopratutto i social network principali ( esempio: Facebook ed Instagram) influenzano non solo la vita quotidiana dei giovani adolescenti, ma giocano un ruolo fondamentale anche nelle scelte in campo alimentare, influenzando anche le scelte d'acquisto di un prodotto alimentare rispetto ad un altro.

I giovani adolescenti, in quest'epoca, tendono maggiormente ad apprezzare più i cibi light o delle volte includono nella loro alimentazione giornaliera anche qualche " schifezza di troppo". Il tutto è, come accennato precedentemente, supportato dai social network, che continuamente ricordano un tema abbastanza reale ed importante a mio avviso, ovvero " il mangiar sano".

Nel mondo dell'alimentazione giovanile è presente anche la cosìdetta "ansia da condivisione" nata a tal proposito dai social più in voga del momento. Si tratta di ansia in senso letterale, scaturita dal fatto di dover condividere in tempo reale una foto che rappresenta il piatto elaborato o anche semplicemente la pizza che si sta mangiando, modificato poi dai filtri per renderlo sicuramente più appetibile.
Non ha importanza se vengono cucinati direttamente a casa o vengono consumati al ristorante, i piatti più fotogenici finiscono sul web. Non finisce qui questo mondo alimentare così complesso, nonchè sfaccettato dei giovani. Tra di essi vige anche la regola che più s è magri e più si è belli ed in forma, prediligendo un' alimentazione più sana, vegetariana e priva di cibo spazzatura. Questo fenomeno virale non è propriamente positivo delle volte perché ha portato dei giovani ad avere disturbi alimentari anche abbastanza seri come l'anoressia.

Bisogna sottolineare, infatti, che i maggiori fattori di rischio di tale fenomeno sono proprio i mass media e i social network. Questa attenzione al "magro" è presa in considerazione di gran lunga più dalle ragazze, anche se si sta facendo strada anche per il genere maschile. Gli adolescenti di oggi sono sempre alla ricerca di attenzione, basata sulla quantità dei like presi in post o foto. La frase più comune è "quanti like ho preso nella foto? allora piaccio". Molto di quello che mangiamo dipende dai social, perchè anche il cibo, ormai è diventata una moda da seguire.





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria