NOTIZIE cibi tradizionali


Categoria: cibi tradizionali

Storia e proprietà tellina del litorale romano


Il litorale romano è un tratto di costa ancora ricco di pescatori che praticano la piccola pesca costiera. Fin dai tempi dei romani in quest’area, per qualità e finezza della sabbia, era particolarmente rinomata e abbondante la praticata della pesca alle telline, molluschi presenti comunemente in tutte le coste italiane con fondali sabbiosi.
Il perpetuare nel tempo dell’importanza economica di questo genere di pesca è testimoniato anche da numerosi documenti. In uno di questi si legge: “al 18 di aprile del 1595 Andrea Cesi vendette a favore del cardinale Girolamo di Ciriaco e di Asdrubale fratelli  Mattei, la peschiera delle telline esistente sulla spiaggia del mare del casale di Corteccia e Cesolina o Villa, per scudi 2000”.
Un’altre testimonianza del valore attribuito alle telline del litorale romano è riscontrabile nella tradizione orale di Minturno, nei pressi di Latina. Secondo i “vecchi” le comunità di pescatori si spostavano stagionalmente per pescare lungo la costa di arrivo al mare del Tevere e dell’Arrone.
La pesca era così abbondante, non solo di telline, che i pescatori costruivano delle capanne sulla spiaggia per ripararsi. Poi alla fine degli anni ’50, questi uomini decisero di fermarsi stanzialmente nei luoghi di pesca, costruendo i primi villaggi fatti in muratura.
Ancora oggi è possibile osservare questi insediamento a Fregene, a Ostia e in altre località lungo le poche decine di chilometri del litorale.
Rara e ricercata, la tellina è il bivalve più dolce e delicato degli altri molluschi, si presenta più piccola e dal gusto inconfondibile.

Va condita poco per rispettarne le delicate qualità organolettiche. La ristorazione locale ne ha fatto un simbolo dedicandole il piatto più famoso in zona: la bruschetta con la tellina, una specialità che ha trovato il suo momento di massimo splendore negli anni ’50 quando sulle spiagge del litorale arrivavano dalla vicina Cinecittà attori e registi.

Leggi ricetta

Testo consultato Presidi Slow Food

Leggi news Lazio





Stampa Stampa | Categoria Altre news di questa categoria